Siria, due esplosioni a Raqqa: almeno 10 morti

Di Marco Nepi
Pubblicato il 1 Giu. 2019 alle 23:55 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:13
0
Immagine di copertina
(Credit foto: AFP PHOTO / STRINGER)

Siria, due esplosioni a Raqqa oggi: almeno 10 morti

Oggi sabato 1 giugno a Raqqa, in Siria, sono state avvertite due esplosioni che hanno causato la morte di almeno dieci persone.

I feriti sono 20.

È quanto riporta l’Osservatorio siriano per i diritti umani.

Raqqa è una città siriana attualmente controllata dalle milizie curde, e per lungo tempo in passato capitale de-facto dell’Isis in Siria.

A che punto è la guerra in Siria dopo la sconfitta dell’Isis. Qui gli ultimi aggiornamenti – Qui tutte le ultime notizie

Sono trascorsi otto anni dall’inizio della guerra in Siria, ma la totale pacificazione dell’area sembra ancora lontana. Qual è la situazione a otto anni dallo scoppio della guerra e dopo la fine del Califfato? Siria guerra news: un riassunto

Io, combattente italiano al fianco dei curdi: “La guerra contro l’Isis non è finita”

Siria guerra | Isis

L’Isis è stato territorialmente sconfitto in Siria il 21 marzo 2019, con la caduta del villaggio di Baghouz, ma cellule dormienti continuano a rappresentare un pericolo tanto nell’area di Deir er Zor quanto in quella di Idlib.

A maggio fonti in loco hanno raccontato di miliziani dello Stato islamico che cercavano di infiltrarsi nell’area, dando vita a scontri con i qaedisti.

A fine aprile un’autobomba è esplosa a Jisr el Shugur, non lontano da Idlib, uccidendo 23 persone: si tratta solo di uno degli attacchi dei jihadisti in Siria dopo la sconfitta dello Stato islamico.

A ciò si aggiunge il ritorno di al Baghdadi, che dopo anni di latitanza il 29 aprile ha rilasciato un nuovo video in cui prometteva vendetta per la fine dell’Isis in Siria.

“Vi spiego come funziona Jinwar, il villaggio siriano di sole donne che vuole abbattere il patriarcato”

La storia di Rojava, società utopica curda al confine dei territori dell’Isis

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.