Me

Siria, le bombe fanno strage anche di cavalli. Ma uno di loro è tornato a camminare grazie a una protesi

Di Anna Ditta
Pubblicato il 10 Ago. 2019 alle 16:36 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:12
Immagine di copertina
Credit: Ibrahim YASOUF / AFP

Siria, il cavallo colpito dai bombardamenti che torna a camminare con la protesi

Il giovane puledro ritratto nelle foto si chiama Sham al-Agha e ha perso uno dei suoi arti nei bombardamenti del regime siriano sulla parte occidentale della provincia di Aleppo, in Siria, alcuni mesi fa. Il cavallo è tornato a camminare con l’aiuto di una protesi.

Sham al-Agha vive nella regione sotto il controllo dei ribelli, vicino il confine con la Turchia, e qualche tempo fa è tornato a camminare grazie a un arto interamente progettato e realizzato a livello locale, in un centro che produce protesi.

A ritrarre il cavallo dopo che è tornato a camminare con la sua protesi è stato il fotografo Ibrahim Yasouf, dell’agenzia AFP/Getty Images.

Ecco alcuni degli scatti che immortalano il piccolo cavallo con la sua nuova protesi in Siria:

“Nessuno ne parla più, ma in Siria il massacro di civili continua”: TPI intervista gli attivisti in sciopero della fame

Credit: Ibrahim YASOUF / AFP
Credit: Ibrahim YASOUF / AFP

Siria: “Ho visto quelle bimbe morire tra le macerie di un bombardamento a Idlib, ho spento la camera e sono corso ad aiutarle”

Dalla fine di aprile l’esercito del regime siriano ha lanciato un’offensiva aerea sulla provincia di Idlib, nel nord ovest della Siria, ultima roccaforte delle forze che si oppongono ad Assad.

Nell’area da oltre due mesi si susseguono ininterrottamente attacchi aerei che hanno già provocato centinaia di morti e migliaia di sfollati.

Esclusivo TPI: la Siria brucia ma nessuno ne parla più. Case e campi in fiamme nel Rojava

La riconquista di Idlib è fondamentale per il regime, perché Assad riprenderebbe il controllo di un territorio al confine con la Turchia in cui hanno trovato rifugio molti ribelli e miliziani dell’Isis.

Siria, morto il fotografo dei Caschi Bianchi. Il ricordo dei compagni: “Era un eroe”

L’Isis è stato sconfitto sul campo, ma oggi la sua ideologia è più forte che mai