Coronavirus:
positivi 88.274
deceduti 15.362
guariti 20.996

Siria, la bimba che “rideva sotto le bombe” insieme al papà è stata accolta come profuga in Turchia

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 27 Feb. 2020 alle 09:10 Aggiornato il 27 Feb. 2020 alle 09:14
656

La bimba che rideva sotto le bombe è stata accolta in Turchia

Il video della bambina che ride sotto le bombe della Siria insieme al papà ha fatto il giro del web: nel filmato, diventato virale su twitter, il padre chiede alla figlia: “Stavolta è un aereo o è un proiettile?”, e la piccola risponde “Un proiettile”. “E quando arriverà, rideremo”, replica ancora l’autore del video, Abdullah Mohammed.

Adesso, quelle bombe faranno meno paura, perché Selva, la piccola di 4 anni, è stata accolta come profuga in Turchia, nella provincia frontaliera di Hatay, insieme alla sua famiglia.

Il padre ha ringraziato il governo di Ankara ai microfoni dell’agenzia statale turca Andalous: “Spero che la guerra in Siria finisca presto e che io possa tornare”, ha dichiarato, denunciando la grave crisi umanitaria in corso a Idlib, che le Nazioni Unite hanno definito la peggiore del 21esimo secolo.

Secondo l’Organizzazione Internazionale, infatti, da inizio dicembre almeno 900mila persone sono fuggite dai raid di Damasco e Mosca verso il confine turco. Che però spesso non possono attraversare, motivo per cui dormono al freddo in rifugi di fortuna lungo il confine, o tra i monti, rischiando spesso la vita.

Leggi anche:

Siria, il “gioco delle risate” inventato dal papà per distrarre la figlia dalle bombe | VIDEO

Siria, la piccola Iman di 1 anno e mezzo morta assiderata tra le braccia del padre

A Idlib è in corso la peggiore crisi umanitaria del 21esimo secolo: 900mila siriani muoiono di freddo in fuga dalle bombe di Assad

656
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.