Covid ultime 24h
casi +19.143
deceduti +91
tamponi +182.032
terapie intensive +57

Coronavirus: sindaco peruviano viola il lockdown per ubriacarsi con gli amici, poi si nasconde in una bara fingendosi morto

Quando la polizia è intervenuta per bloccare i trasgressori, il sindaco i suoi amici hanno pensato bene di nascondersi in alcune bare, realizzate appositamente per i morti di Covid-19

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 22 Mag. 2020 alle 12:43
45k
Immagine di copertina

Coronavirus: sindaco peruviano viola lockdown per ubriacarsi poi si finge morto nascondendosi in una bara

Un sindaco peruviano è finito recentemente nella bufera per aver violato il lockdown imposto per contrastare l’epidemia di Coronavirus, provando, poi, a sfuggire dai controlli fingendosi morto e nascondendosi in una bara. La vicenda, che ha dell’incredibile, è stata raccontata dal quotidiano britannico The Telegraph e risale a lunedì 18 maggio. Secondo quanto ricostruito, Jaime Uriba Torres, primo cittadino di Tantará, località situata nella parte sudovest del Perù, ha deciso apertamente di sfidare le norme restrittive imposte dal governo centrale per contrastare l’epidemia di Covid-19, e in vigore dal 25 marzo, per andare a ubriacarsi con alcuni amici.

Il Lonfo è tornato: padre e figlia girano nuovamente il video divenuto virale 4 anni fa

Qualcuno, però, ha segnalato la comitiva, nel frattempo in preda ai fiumi dell’alcol, alla polizia, che è accorsa sul posto per sanzionare i contravventori. Alla vista degli agenti, il sindaco e i suoi amici si sono dati alla fuga e hanno provato a sfuggire all’arresto fingendosi morti. I componenti dell’allegre comitiva, infatti, ha individuato alcune bare, realizzate appositamente per i deceduti per Covid-19, e vi si sono nascosti dentro. Quando la polizia è riuscita a rintracciare le bare, il sindaco e i suoi conoscenti hanno continuato a fingere di essere morti, rimanendo immobili e con gli occhi chiusi. Dopo aver fotografato la pietosa scena, i poliziotti hanno tolto dai sarcofagi i fuggiaschi e li hanno arrestati.

Leggi anche: 1. Clementi a TPI: “Il virus non è più aggressivo, è un dato di fatto. Ma certi altri virologi ragionano con gli algoritmi” / 2. Autoritarismo, feeling con Salvini e dubbi sulla sperimentazione: chi è davvero Giuseppe De Donno (di Selvaggia Lucarelli) / 3. Dal Pio Albergo Trivulzio alla Regione: in Lombardia è sempre battaglia aperta

4. La classifica dei Paesi che hanno fatto più tamponi: non mancano le sorprese / 5. Zaia spiega alla Lombardia come potrebbe fare i tamponi risparmiando / 6. Palermo, arrestato per corruzione il commissario per l’emergenza Coronavirus in Sicilia / 7. “In Italia 19mila vittime per Covid in più rispetto alle cifre ufficiali”: lo studio dell’Inps

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

45k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.