Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Il Senato degli Stati Uniti è pronto a votare una risoluzione per mantenere le truppe Usa in Siria”: il leader dei repubblicani Mitch McConnell

Immagine di copertina
Credits: Facebook/Mitch McConnell

“Il Senato degli Stati Uniti pronto a votare risoluzione per mantenere le truppe Usa in Siria”

Il senatore leader della maggioranza repubblicana Mitch McConnell ha annunciato che “il Senato degli Stati Uniti è pronto a votare una risoluzione sulla Siria molto più dura di quella della Camera in cui si chiede la permanenza delle truppe Usa in contrasto con la decisione del presidente Trump di abbandonare gli alleati curdi di fronte all’avanzata della Turchia”. “Gli alleati non possono essere spinti ulteriormente verso la Russia”, ha aggiunto.

Il 16 ottobre scorso, infatti, la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, aveva votato a maggioranza in favore della risoluzione di condanna della decisione di Donald Trump di ritirare le truppe dalla Siria, che avrebbe spianato la strada all’offensiva turca contro i curdi. La risoluzione era stata approvata con 354 voti contro soli 60 sfavorevoli.

Intanto intorno alle 18,30 di oggi 22 ottobre i curdi e le milizie alleate siriane hanno annunciato alle forze statunitensi di aver completato il ritiro dalla zona di sicurezza nel nord-est della Siria come richiesto dall’accordo tra Stati Uniti e Turchia del 17 ottobre scorso

Il ritiro dalla zona di sicurezza turca sarebbe stato riferito con una comunicazione scritta dal comandante delle Forze democratiche siriane a guida curda, Mazlum Abdi Kobani, al vicepresidente Usa Mike Pence, che il 17 ottobre aveva negoziato la tregua ad Ankara con il presidente turco Erdogan. Nell’accordo la Turchia si impegnava a cessare il fuoco a patto che i curdi iniziassero la ritirata da una “safe zone” di 30 chilometri al confine tra Siria e Turchia, a est del fiume Eufrate.

Tutte le ultime notizie sulla guerra in Siria
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid