Me

Siria: i curdi annunciano agli Stati Uniti di aver completato il ritiro dalla safe zone

Di Madi Ferrucci
Pubblicato il 22 Ott. 2019 alle 18:30 Aggiornato il 22 Ott. 2019 alle 19:41
Immagine di copertina

Siria: i curdi annunciano ritiro totale dalla safe zone

I curdi e le milizie alleate siriane hanno annunciato alle forze statunitensi di aver completato il ritiro dalla zona di sicurezza nel nord-est della Siria come richiesto dall’accordo tra Stati Uniti e Turchia del 17 ottobre scorso. A riferirlo sono i media siriani e panarabi che citano fonti militari curde e statunitensi, citate dalle tv panarabe al Jazira e al Arabiya.

Il ritiro dalla zona di sicurezza turca sarebbe stato riferito con una comunicazione scritta dal comandante delle Forze democratiche siriane a guida curda, Mazlum Abdi Kobani, al vicepresidente Usa Mike Pence, che il 17 ottobre aveva negoziato la tregua ad Ankara con il presidente turco Erdogan che si impegnava a cessare il fuoco a patto che i curdi iniziassero la ritirata da una “safe zone” di 30 chilometri al confine tra Siria e Turchia, a est del fiume Eufrate.

La notizia arriva a due ore e mezza dalla fine della tregua, prevista per le 21 (ora italiana) di oggi 22 ottobre.

In base all’accordo, il presidente della Turchia Erdogan a questo punto dovrebbe desistere definitivamente dal riprendere un’offensiva contro i curdi in Siria.

Al riguardo per il momento non sono arrivate dichiarazioni ufficiali da parte del presidente turco, che è ancora impegnato in un colloquio a Sochi con il leader del Cremlino Vladimir Putin.

Incontro tra il presidente della Turchia Erdogan e Vladimir Putin a Sochi per discutere della Siria