Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 05:42
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Sei multinazionali stanno per fondersi e formare il più grande oligopolio della storia

Immagine di copertina

Le conseguenze per il mercato dell’agricoltura sarebbero enormi: i rischi vanno dall’aumento dei prezzi all’assenza di qualsiasi forma di concorrenza

Sei multinazionali che controllano il mercato dell’agricoltura e delle sementi sono sul punto di fondersi in tre compagnie ancora più grandi, suscitando la preoccupazione tra i consumatori e gli agricoltori per le conseguenze che potrebbe avere la nascita del più grande oligopolio della storia.

Martedì 20 i dirigenti di Bayer, Monsanto, DuPont, Dow Chemical e Syngenta sono stati ascoltati dalla Commissione giustizia del Senato degli Stati Uniti per spiegare le ragioni per cui i regolatori federali dovrebbero approvare le maga-fusioni che ridisegneranno il mercato globale dell’agricoltura.

I manager delle multinazionali sostengono che la fusione comporterà benefici perché le aziende condivideranno l’esperienza e le conoscenze e dunque miglioreranno l’efficienza e la qualità dei prodotti.

Ma le leggi economiche sugli oligopoli, poche aziende in concorrenza tra loro che detengono la quasi totalità del mercato, insegnano che le conseguenze per i consumatori sono aumenti nei prezzi e assenza di competizione.

Oltre alle ripercussioni economiche, inoltre c’è preoccupazione per come un simile mercato riuscirà a garantire nutrimento a prezzi responsabili per la crescente popolazione mondiale.

A spingere le aziende verso il consolidamento sono state le elevate scorte e i bassi prezzi delle materie prime che hanno danneggiato le aziende a causa della drastica riduzione degli ordini di sementi da parte degli agricoltori.

L’ultima fusione è stata quella del colosso farmaceutico Bayer con la statunitense Monsanto. L’anno scorso Dow Chemical si è fusa con la Du Pont creando un colosso dal valore di 130 miliardi di dollari, mentre la Syngenta a febbraio si è accordata con l’azienda cinese ChemChina.

Utili del settore agricolo negli Stati Uniti dal 2011 al 2014. Fonte: Atlas

Andamento delle vendite dal 2011 al 2014 delle aziende di sementi. Fonte: Atlas

Ti potrebbe interessare
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Ti potrebbe interessare
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Esteri / Ucraina, uomo si barrica nella sede del governo e minaccia di far esplodere una bomba: arrestato
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson