Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Migranti, l’Ong Sea Watch soccorre 65 persone al largo della Libia. Salvini: “Porti rimangono chiusi”

Immagine di copertina

Il ministro dell'Interno ha firmato una diffida ad avvicinarsi alle acque territoriali italiane diretta alla nave dell'Ong

Sea Watch gommone Libia | L’Ong tedesca Sea Watch ha soccorso 65 persone da un gommone che si trovava a circa 60 chilometri dalle coste libiche.

A dare la notizia è la stessa Ong, che su Twitter ha scritto che il gommone è stato avvistato da un aereo civile di ricognizione.

“Libia, Malta, Italia, Olanda informate: nessuna risposta”, si legge nel tweet. “Nel Mediterraneo stanno diminuendo i testimoni, non le partenze”.

Dopo pochi minuti è arrivato il commento del ministro dell’Interno Matteo Salvini, che sui social scrive: “Ho appena firmato una diffida ad avvicinarsi alle acque territoriali italiane. I nostri porti sono, e rimangono, chiusi”.

La nave dell’Ong Sea Watch è l’unica nave civile di soccorso che sta ancora monitorando la situazione nel Mediterraneo centrale.

Alcuni giorni fa Matteo Salvini aveva dichiarato: “La nave ong Sea Watch 3 (bandiera olandese) sta navigando nel Mediterraneo in direzione Libia. Avviso ai naviganti: non pensino di aiutare scafisti, imbarcare immigrati e dirigersi verso l’Italia perché verranno fermati con ogni mezzo lecito consentito. L’avviso è rivolto anche ai nostalgici dei porti aperti presenti in Parlamento”.

Ieri l’Ong ha condiviso un video in cui mostra alcuni naufraghi che scappano a nuoto per sfuggire alla guardia costiera libica.

Sempre nella giornata di ieri, 14 maggio, è arrivata dalla procura di Catania la richiesto di archiviazione per il comandante e per il capo missione della nave Open Arms, accusati di associazione a delinquere finalizzata all’immigrazione clandestina in riferimento allo sbarco avvenuto il 17 marzo del 2018 a Pozzallo, quando la Ong aveva soccorso 218 migranti al largo della Libia.

Oggi il giudice Nunzio Sarpietro ha accolto la richiesta di archiviazione presentata dall’ufficio guidato dal procuratore capo di Catania, Carmelo Zuccaro, quindi l’indagine è ufficialmente archiviata.

Alcuni giorni fa il ministro dell’Interno Matteo Salvini annunciava: “Un migliaio di persone sbarcate dal primo gennaio 2019 contro le quasi 10.000 dello stesso periodo di un anno fa”.

Secondo i dati dell’Unhcr nel 2019 dalla Libia sono sbarcate in Italia 1.073 persone. Più o meno altrettante persone sono state riportate in Libia dalla guardia costiera libica. Circa 300 sono le morti registrate nella rotta del Mediterraneo centrale.

La nave Sea Watch 3 dell’Ong omonima è stata al centro di un caso politico e diplomatico a dicembre 2018 dopo essere rimasta per settimane al largo di Malta.

Alla fine di gennaio 2019 il Viminale ha negato per giorni lo sbarco a 47 persone bloccate a circa un miglio dalle coste siciliane. Sulla vicenda il ministro dell’Interno Matteo Salvini è indagato per sequestro di persona.

Migranti, Sea Watch denuncia: “Naufraghi scappano a nuoto dalla Guardia costiera libica” | Video
TPI a bordo della nave Sea Watch 3: “Alcuni migranti rifiutano cibo, il teatro della politica italiana non ci interessa”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora
Esteri / Eruzione Tonga, Nasa: “500 volte più potente della bomba atomica su Hiroshima”
Esteri / Tonga: arrivano i primi aiuti dopo l’eruzione, ma le autorità temono che i soccorritori possano portare uno “tsunami di Covid”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora
Esteri / Eruzione Tonga, Nasa: “500 volte più potente della bomba atomica su Hiroshima”
Esteri / Tonga: arrivano i primi aiuti dopo l’eruzione, ma le autorità temono che i soccorritori possano portare uno “tsunami di Covid”
Esteri / Nizza, spari in centro durante un blitz della polizia: un morto
Esteri / Gerusalemme, primo sfratto da cinque anni a Sheikh Jarrah: Israele demolisce la casa di una famiglia palestinese
Esteri / Ucraina, Blinken invita Putin a scegliere una via pacifica
Esteri / Arrestati in Congo gli assassini dell’ambasciatore Attanasio. “Volevano rapirli”
Esteri / Regno Unito, al via test per settimana lavorativa di 4 giorni
Esteri / Covid, in calo i contagi nel Regno Unito. L’Oms: “La fine della pandemia non è lontana”
Esteri / Roberta Metsola è la nuova presidente del Parlamento Europeo: “Onorerò David Sassoli”