Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Scoperto il batterio più grande del mondo: si vede a occhio nudo

Immagine di copertina

Scoperto il batterio più grande del mondo: si vede a occhio nudo

Un batterio che non si osserva al microscopio è stato scoperto nelle Antille francesi. Thiomargarita magnifica, questo il suo nome, è talmente esagerato che si può vedere a occhio nudo. Lungo e sottile come uno spaghetto, raggiunge facilmente 1 centimetro, ma può arrivare anche a due. Le sue dimensioni da record superano di 5mila volte la media degli altri batteri, che si aggirano tra 2 e 5 micrometri (il record precedente era di 750 micrometri) e hanno bisogno di essere ingranditi alcune centinaia di volte per essere osservati. Uno dei suoi scopritori, Jean-Marie Volland del Berkeley National Laboratory in California, ha fatto un paragone che rende bene l’idea: “E’ come se incontrassimo un uomo alto come il Monte Everest”.

Volland e i suoi colleghi hanno trovato Thiomargarita magnifica (il nome significa perla solforosa, perché il batterio ha bisogno per vivere della presenza di acido solfidrico) nelle acque paludose di una foresta di mangrovie a Guadalupa, nelle piccole Antille francesi. La scoperta è valsa loro una pubblicazione su Science. I filamenti, grandi come un ciglio umano, hanno incuriosito Olivier Gros, un giovane biologo dell’università delle Antille, che li ha raccolti dalle foglie degli alberi macerate nell’acqua, ma anche dai residui di plastica che ormai inquinano ogni angolo dei mari. “Pensavano fossero funghi o altro”, ha spiegato. Invece erano proprio batteri: cellule procariotiche, ovvero primitive e semplici. Thiomargarita magnifica però ha dimensioni e organizzazione interna più vicine a quelle delle cellule eucariotiche, le più evolute, come sono le nostre.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Kabul, forte esplosione in una moschea: almeno tre morti e decine di feriti
Esteri / Usa, spara nell’appartamento della vicina perché infastidita dal pianoforte: arrestata infermiera
Esteri / La Cina invierà truppe in Russia per esercitazioni militari congiunte
Ti potrebbe interessare
Esteri / Kabul, forte esplosione in una moschea: almeno tre morti e decine di feriti
Esteri / Usa, spara nell’appartamento della vicina perché infastidita dal pianoforte: arrestata infermiera
Esteri / La Cina invierà truppe in Russia per esercitazioni militari congiunte
Esteri / Regno Unito, uomo arrestato nel parco di Windsor a Natale: “Sono qui per uccidere la Regina”
Esteri / Londra, incendio tra London Bridge e Waterloo East. “Tenete chiuse porte e finestre”
Esteri / Russia, Putin premierà le donne che partoriscono almeno dieci figli
Esteri / Berlino, Abu Mazen accusa Israele di Olocausto, poi ritratta. Scholz: "Profondamente indignato"
Esteri / Terrore a bordo, ubriaco tenta di aprire il portellone dell’aereo in volo: “Ci vediamo in paradiso”
Esteri / Tensioni in Kenya dopo le elezioni presidenziali: Odinga contesta la vittoria di Ruto
Esteri / L'ambientalista statunitense Erin Brockovich multata per aver annaffiato troppo spesso il giardino