Una settimana difficile in Cile

Le proteste vanno avanti da marzo a causa della recessione economica e di uno scandalo di corruzione che ha coinvolto la famiglia della presidente

Di TPI
Pubblicato il 28 Mag. 2016 alle 20:18 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 11:04
0
Immagine di copertina

Questa settimana in Cile sono scoppiate una serie di proteste e scontri molto violenti in occasione del discorso annuale che la presidente cilena Michelle Bachelet ha tenuto di fronte al Congresso a Valparaiso.

Le proteste vanno avanti da marzo a causa della recessione economica e di uno scandalo di corruzione che ha coinvolto la famiglia Bachelet, ed erano state finora pacifiche.

I manifestanti in questi giorni hanno invece innalzato barricate e lanciato bombe incendiare, mentre le forze dell’ordine hanno risposto con lacrimogeni e idranti.

Una guardia di sicurezza del municipio della città cilena è morto per avere inalato i fumi provenienti dall’incendio scoppiato in una farmacia e in un supermercato, appiccato da alcuni manifestanti. 

— LEGGI ANCHE: IN CILE SONO SCOPPIATE VIOLENTE PROTESTE 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.