Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:24
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Fragole insanguinate

Immagine di copertina

I contadini di San Quintín, in Messico, sono in sciopero: raccolgono fragole vendute a caro prezzo negli Stati Uniti, ma vivono in condizioni di semi-schiavitù

Ogni giorno Genaro Perfecto raccoglie circa 110 chili di fragole. Duecento chili in alta stagione. Alla fine della giornata ha le mani color rosso sangue e la schiena a pezzi, ma guadagna solo uno o due dollari all’ora.

Lo stipendio basta appena per comprare qualcosa da mangiare. Vive con sua moglie e cinque bambini in una piccola baracca di legno, dove si dorme per terra e l’unica luce è quella delle candele.

Perfecto è uno dei migliaia di contadini che lavorano in condizioni di semi-schiavitù a San Quintín (Baja California), nel nord-est del Messico, una delle regioni con la più alta produzione di fragole al mondo. Si è trasferito dal sud del Paese quindici anni fa, in cerca di fortuna. Non poteva immaginare che, pur con un lavoro a tempo pieno, si sarebbe ulteriormente impoverito.

Lavora per l’azienda messicana BerryMex, uno dei principali fornitori dell’industria frutticola statunitense Driscoll’s. La compagnia afferma che i contadini sono assunti con un contratto regolare e che in genere guadagnano dai cinque ai nove dollari all’ora, in base ai chili di frutta raccolti. Ma secondo un’indagine della Reuters, la paga settimanale si aggira tra i 51 e i 79 dollari, per oltre 50 ore di lavoro.

A marzo, stanchi di essere sottopagati, oltre 20mila contadini messicani hanno lanciato una sciopero. Le negoziazioni tra il governo e i sindacati non hanno ancora portato ad alcuna soluzione e le proteste continuano.

Lo scorso weekend una manifestazione di contadini a San Quintín è stata violentemente repressa dalla polizia messicana, che ha cercato di disperdere i contadini con proiettili in gomma e lacrimogeni. La situazione è presto degenerata: i manifestanti hanno tirato sassate alla polizia, bloccato le strade, invaso un edificio governativo e distrutto un veicolo delle forze dell’ordine. Oltre 70 persone sono rimaste ferite e decine di manifestanti sono stati arrestati. Anche all’inizio delle proteste, il 18 marzo, 200 manifestanti furono fermati dalla polizia.

I leader dello sciopero chiedono un aumento salariale (con un minimo di 13 dollari al giorno, ridotto rispetto alle richieste iniziali di 20 dollari) e migliori condizioni lavorative: accesso all’acqua, servizi di cura pubblici e vacanze pagate. La situazione è particolarmente difficile per donne e bambini: iniziano a lavorare sin dall’età di 12 anni e le ragazze sono spesso vittime di abusi sessuali nei campi. Per questo i manifestanti chiedono migliori sistemi di controllo sul lavoro.

Molti contadini si sono inoltre lamentati delle conseguenze dell’uso massiccio di pesticidi. Carmen Reyes è una donna di 34 anni, incinta di sette mesi. Continua a lavorare nonostante lo stadio avanzato della gravidanza perché non ha altra scelta, ma si lamenta di problemi alla pelle e pruriti causati dai fertilizzanti e i pesticidi utilizzati nei campi. “Quando siamo nelle piantagioni a tagliare frutta a loro non importa e continuano a spruzzare sostanze chimiche”, dice Carmen in un’intervista con la Reuters. “Dicono che non ci farà male, ma noi la pensiamo diversamente”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Esteri / La morte di George Floyd e la pandemia da Covid-19: le storie che hanno vinto i premi Pulitzer del 2021
Esteri / L’Iran espelle una suora italiana
Esteri / Tensione fra Italia ed Emirati Arabi: a rischio la base strategica in Medio Oriente
Esteri / Perù: procuratore chiede l’arresto di Keiko Fujimori, candidata della destra alle recenti elezioni
Esteri / Putin protesta, l'Uefa ordina all'Ucraina di cambiare la maglia "politica"
Esteri / Usa, una canna di marijuana gratis a chi si fa il vaccino anti-Covid