Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare

Immagine di copertina
Lauryn Hill, Wyclef Jean e Pras Michel dei Fugees ad Amburgo per la prima data del tour per la reunion, il 6 dicembre 2005. Credit: EPA/Patrick Lux

Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare

Sono passati 25 anni anni da quando i Fugees dominavano le classifiche di tutto il mondo con “Killing Me Softly”. Oggi uno dei tre membri del gruppo, Prakazrel “Pras” Michel, è coinvolto in uno dei più clamorosi scandali finanziari degli ultimi anni, che ha già portato alla condanna di un primo ministro.

Il rapper è stato rinviato a giudizio dalle autorità statunitensi per il coinvolgimento in un tentativo di fermare le indagini sul caso del fondo sovrano della Malesia 1MDB, dal quale nel corso dello scorso decennio sarebbero stati sottratti 4,5 miliardi di dollari, spesi in imbarcazioni di lusso, opere d’arte e produzioni hollywoodiane.

Assieme al finanziere latitante Jho Low, Pras avrebbe preso parte a un tentativo di lobbying illecito per spingere l’amministrazione statunitense guidata da Donald Trump a bloccare le indagini a carico dello stesso Low.

Oltre a fermare le indagini sullo scandalo 1MDB, il tentativo di lobbying aveva anche l’obiettivo di convincere l’amministrazione a deportare in Cina un dissidente cinese. Secondo quanto dichiarato dal dipartimento di Giustizia statunitense, le campagne di lobbying, a cui avrebbero preso parte anche altri individui tra cui un importante finanziatore di Trump, sarebbero state guidate da Low e addirittura dal viceministro della Pubblica sicurezza della Repubblica popolare cinese.

Il fondo sovrano della Malesia, noto come 1MDB, nel corso dello scorso decennio è stato al centro di un enorme scandalo finanziario che a luglio 2020 ha portato alla condanna a 12 anni dell’ex primo ministro malese Najib Razak, giudicato colpevole nel primo di una serie di processi che lo vedono imputato per corruzione.

Dalla sua fondazione nel 2009, secondo le autorità statunitensi e malesi, sono stati sottratti a 1MDB circa 4,5 miliardi di dollari (3,7 miliardi di euro). Le autorità malesi stanno ancora tentando di recuperare i fondi mancanti, ricondotti negli ultimi anni agli investimenti più vari, da opere di Monet alla produzione di Wolf of Wall Street, il film del 2013 con Leonardo Di Caprio.

Le nuove accuse sostituiscono quelle già formalizzate nel 2019, quando Low e Pras erano stati accusati di aver tentato di far arrivare milioni di dollari appartenenti a Low alla campagna per la rielezione di Barack Obama nel 2012, nascondendo la reale provenienza del denaro. Pras era stato accusato di aver ricevuto 21,6 milioni di dollari da Low, contribuendo alla campagna elettorale tramite 20 donatori fittizi.

Michel e Low sono anche accusati di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio in relazione alle campagne. Il rapper, arrivato alla notorietà negli anni ’90 con il gruppo dei Fugees che ha lanciato Lauryn Hill e Wyclef Jean, è anche accusato di subornazione di testimone e di associazione a delinquere finalizzata a rendere dichiarazioni false alle banche.

Secondo il dipartimento di Giustizia, Low rischia di scontare una pena da cinque a 10 anni di reclusione per ogni capo d’imputazione, mentre il rapper da cinque a 20 anni per ogni capo d’imputazione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca ruba il grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca ruba il grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Esteri / Australia, i laburisti vincono le elezioni
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Esteri / Chi sono i tre italiani rapiti in Mali: Rocco Langone, Maria Caivano e il figlio Giovanni
Cultura / In Bielorussia il governo vieta il romanzo “1984” di George Orwell
Esteri / “Putin circondato dai medici, curato anche tra una riunione e l’altra”: le nuove voci sul suo stato di salute
Esteri / Sharm El Sheikh, bimba abruzzese di 13 mesi cade dal balcone e muore