Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:57
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Samsung e Panasonic accusate di sfruttamento dei lavoratori in Malesia

Immagine di copertina

Gli operai nepalesi immigrati in Malesia che lavorano nell’industria elettronica hanno denunciato una serie di abusi sui quali le due società stanno indagando

Samsung e Panasonic, due dei colossi mondiali dell’industria elettronica, sono accusati di sfruttare e sottopagare i lavoratori in Malesia. Le due società hanno avviato un’indagine dopo le prove fornite da un’inchiesta del quotidiano britannico Guardian sugli abusi subiti dagli operai nepalesi immigrati in Malesia che lavorano per assemblare le componenti elettroniche dei prodotti venduti nel resto del mondo.

Secondo alcune testimonianze, i lavoratori non avrebbero ricevuto parte dello stipendio previsto dal contratto, i loro passaporti sarebbero stati confiscati dai datori di lavoro e gli operai sarebbero stati minacciati di dover pagare multe costosissime (circa tre-quattro mensilità di stipendio) nel caso avessero voluto tornare in patria.

Inoltre sarebbero stati costretti a lavorare fino a 14 ore senza riposo e a volte senza nemmeno il permesso di andare al bagno e, prima di trasferirsi in Malesia, avrebbero pagato fino a mille dollari di anticipo alle agenzie di collocamento per assicurarsi di avere il lavoro.

Il giornalista del Guardian ha parlato con 30 migranti nepalesi che lavorano con Samsung e Panasonic. Alcuni di questi operai sono impiegati direttamente da Samsung, ma la maggior parte sono stati assunti attraverso agenzie di collocamento.

Infine, gli operai nepalesi, terminato il loro lavoro, sono costretti a vivere in condizioni disumane, come ha testimoniato il giornalista del Guardian che ha visitato le abitazioni loro assegnate dalle agenzie di collocamento. In un ostello all’interno dell’area industriale di Johor, in piccole stanze vivono fino a 14 operai, con una sola toilette, una doccia nella stessa area della cucina e un solo fornello per cucinare.

In Malesia il settore dell’industria elettronica rappresenta il 35 per cento delle esportazioni, ma da anni è stato oggetto di critiche a causa dei maltrattamenti dei lavoratori migranti. Un rapporto pubblicato nel 2014 dalla ong Verité sosteneva che un terzo degli operai impiegati nell’industria elettronica sono sfruttati.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”
Esteri / Shock anafilattico dopo aver mangiato un burrito: i camerieri si rifiutano di chiamare i soccorsi e lui muore
Ti potrebbe interessare
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”
Esteri / Shock anafilattico dopo aver mangiato un burrito: i camerieri si rifiutano di chiamare i soccorsi e lui muore
Esteri / Quando Biden diceva: “Annettere alla Nato gli Stati Baltici sarebbe un errore”
Esteri / Perché la ragazza italiana Alessia Piperno è stata arrestata in Iran: il motivo del fermo
Esteri / Chi è Alessia Piperno, la travel blogger italiana arrestata in Iran
Esteri / Risposta Usa alle minacce nucleari russe: "Putin potrebbe prendere decisione irresponsabile"
Esteri / “In caso di attacco nucleare risponderemmo eliminando ogni forza russa in Ucraina”
Esteri / Burkina Faso: secondo golpe militare in un anno
Esteri / Proteste in Iran, Ong: “Uccise 92 persone”. Manifestanti rinchiusi nella Sharif University dalla polizia