Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:13
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Russia ha ritirato la richiesta di rifornimento delle sue navi da guerra alla Spagna

Immagine di copertina

La flotta russa diretta presumibilmente in Siria per rinforzare l'offensiva su Aleppo è attraccata questa mattina al porto di Ceuta, enclave spagnola in Nordafrica

L’ambasciata russa in Spagna ha ritirato una richiesta inoltrata precedentemente alle autorità spagnole per il rifornimento di alcune navi da guerra dirette nel Mediterrano e attraccate questa mattina al porto di Ceuta, enclave spagnola in Nordafrica, dopo aver attraversato lo stretto di Gibilterra.

La questione aveva messo Madrid in una posizione scomoda e sotto la luce dei riflettori del mondo. Infatti, secondo la Nato, le otto navi russe – una portaerei, un incrociatore nucleare, due navi antisommergibili e quattro vascelli di supporto, probabilmente scortati da alcuni sottomarini – sono dirette in Siria e trasportano bombardieri che potrebbero essere utilizzati per intensificare l’offensiva di Mosca e Damasco contro Aleppo. 

La Spagna è un membro dell’Alleanza atlantica e negli anni passati ha consentito l’attracco ai vascelli russi valutando le richieste caso per caso.

Madrid aveva fatto sapere che avrebbe esaminato quest’ultima domanda di rifornimento sulla base delle informazioni raccolte dagli alleati e quelle fornite dalle autorità russe, chiedendo chiarimenti circa lo scopo e la destinazione della flottiglia.

La settimana scorsa, gli spostamenti delle navi russe erano stati monitorati da vicino dai membri della Nato. La marina reale britannica aveva seguito il passaggio della flotta attraverso il canale della Manica, ma finché i vascelli restano in acque internazionali hanno il diritto di spostarsi come vogliono.

Il segretario generale dell’Alleanza atlantica Jens Stoltenberg, mettendo in guardia sul possibile uso dei rinforzi russi per colpire i civili assediati nei quartieri orientali di Aleppo, aveva detto che ciascun paese avrebbe dovuto scegliere, consapevole delle conseguenze, se consentire l’attracco per i rifornimenti alle navi russe.

Il dispiegamento russo è in effetti la più grande mobilitazione di Mosca dalla fine della Guerra fredda e ha causato preoccupazione in tutti i membri dell’Alleanza atlantica.

Fortunatamente per la Spagna, è stata la stessa Mosca a levarla d’impiccio ritirando la richiesta di rifornimento.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, nuove sanzioni contro Russia e Bielorussia: “Useremo le loro proprietà per la nostra difesa”
Esteri / Messico, sub decapitato da uno squalo bianco lungo quasi sei metri
Esteri / Muore in casa ma nessuno si accorge di lei per tre anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, nuove sanzioni contro Russia e Bielorussia: “Useremo le loro proprietà per la nostra difesa”
Esteri / Messico, sub decapitato da uno squalo bianco lungo quasi sei metri
Esteri / Muore in casa ma nessuno si accorge di lei per tre anni
Esteri / Iran, attacco con droni nella notte a Isfahan: i sospetti di Teheran su Israele
Esteri / Ucraina, Zelensky: “Servono missili a lungo raggio per fermare il terrore russo”
Esteri / Il flop degli Accordi di Abramo: affari d’oro sulla pelle dei palestinesi e niente pace
Esteri / Ucraina, la Difesa: “Nessun accordo Roma-Parigi per 700 missili Aster”
Esteri / Gerusalemme, nuovo attentato: 13enne spara e ferisce due persone, civili armati lo fermano | VIDEO
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev lancia l’allarme: “La Russia prepara una grande offensiva per il 24 febbraio”
Esteri / Stati Uniti, giovane afroamericano pestato a morte da 5 agenti: il video shock