Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Usa: ruba auto con tre bimbi a bordo. Fermato, viene linciato dalla folla

Immagine di copertina

Usa, ruba auto con tre bimbi a bordo: fermato dalla folla e linciato

Ruba un’auto con tre bimbi a bordo, ma viene fermato e linciato dalla folla.

La drammatica vicenda di giustizia sommaria arriva è avvenuta a Philadelphia, negli Stati Uniti, nella serata di sabato 13 luglio.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia, e raccontato dalle televisioni locali, i fatti hanno avuto inizio quando Eric Hood, un uomo di 54 anni, si è messo alla guida di un’automobile con tre bambini a bordo, approfittando di una distrazione dei genitori, che erano scesi dalla vettura per comprare qualcosa di mangiare.

La fuga di Hood, però, è durata poco. I genitori dei piccoli, la cui età è di 7 mesi, 3 e 5 anni, si sono messi subito all’inseguimento della macchina, che sono riusciti a raggiungere grazie a piedi grazie al traffico, che ha impedito al ladro di allontanarsi più di tanto dal luogo del furto.

A quel punto il padre dei ragazzi ha tirato fuori dal veicolo l’uomo e ha cominciato a picchiarlo. Riuscito a divincolarsi e a fuggire, Hood è stato bloccato poco dopo dalla folla, che nel frattempo si era radunata sul posto, che ha cominciato a picchiarlo con calci e pugni, lasciandolo inerme sull’asfalto.

Trasportato d’urgenza al Temple University Hospital, Hood è morto poco dopo il suo arrivo a causa delle gravi ferite riportate.

I genitori dei ragazzini ora rischiano di essere incriminati per la morte dell’uomo. La polizia, inoltre, sta visionando le telecamere della zona per ricostruire l’esatta dinamica dei fatti e risalire all’identità delle persone che hanno partecipato al linciaggio dell’uomo.

Secondo quanto dichiarato dalle forze dell’ordine, la “giustizia fai da te” è considerato un serio problema nella città di Philadelphia.

In più di un’occasione, infatti, le persone hanno scelto di intervenire in prima persona per risolvere un caso di criminalità piuttosto che avvertire le autorità competenti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”