Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Dennis Rodman parteciperà al summit tra Trump e Kim Jong Un

Immagine di copertina
Il leader nordcoreano Kim Jong-Un insieme all'ex cestista statunitense Dennis Rodman. AFP photo / KCNA

Rodman ha un rapporto speciale anche con il leader di Pyongyang, dove è volato per la prima volta nel 2013 per assistere insieme a Kim Jong Un, grande appassionato di basket, a un'esibizione degli Harlem Globetrotters

Ci sarà anche la star del basket statunitense Dennis Rodman al summit tra il presidente nordcoreano Kim Jong Un e Donald Trump in programma a Singapore il 12 giugno 2018.

Lo riporta il New York Post, secondo cui “The Worm”, questo il soprannome dell’ex campione dell’NBA, arriverà nell’isola del sud-est asiatico il giorno prima dell’incontro e potrebbe avere anche un ruolo nei negoziati tra i due leader.

Rodman, uno dei migliori rimbalzisti e difensori della Lega di basket statunitense di tutti i tempi, una volta conclusa la sua brillante carriera ha fatto anche l’attore, il wrestler ed è stato concorrente del reality The Apprentice condotto proprio da Donald Trump.

Rodman ha un rapporto speciale anche con il leader di Pyongyang, dove è volato per la prima volta nel 2013 per assistere insieme a Kim Jong Un, grande appassionato di basket, a un’esibizione degli Harlem Globetrotters.

Da allora, ci sono state altre quattro sue visite in Corea del Nord, tutte seguite da commenti favorevoli al presidente Kim.

In un’intervista rilasciata ad aprile, Rodman ha detto che Kim non ha capito il presidente statunitense fino a quando lui stesso non gli ha regalato una copia del libro di Trump, The Art of the Deal, in occasione del suo compleanno nel 2017.

“Penso che Kim non si fosse reso conto di chi fosse Donald Trump finché non ha iniziato a leggere il libro e ha iniziato a capirlo. Donald Trump e Kim Jong-un sono praticamente la stessa cosa”, ha detto Rodman.

“Non voglio prendere tutto il merito. Non voglio sedermi lì e dire: ‘Ho fatto questo, l’ho fatto’. Non è mia intenzione”, ha aggiunto Rodman.

“La mia intenzione era quella di andare oltre e diventare un ambasciatore sportivo in Corea del Nord, così le persone capiscono come stanno le persone nella Corea del Nord”.

Darren Prince, che rappresenta gli interessi di Rodman, non ha né confermato né smentito il viaggio del suo assistito a Singapore, limitandosi a dire che “The Worm” sarebbe disposto ad andare se le sue competenze fossero necessarie.

“Se ne è parlato, ma non è stato fatto nessun viaggio o piano definitivo”, ha detto Prince.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)