Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ritrovata una chiesa paleocristiana in Israele

Immagine di copertina

Gli archeologi israeliani hanno reso noto il ritrovamento di una grande chiesa paleocristiana nei pressi della città di Beit Shemesh, nell’area centrale del paese. La scoperta è avvenuta dopo che sono stati rinvenuti manufatti in ceramica e monete che permettono di datare l’edificio al IV secolo dopo Cristo. La chiesa sarebbe nei secoli successivi stata ampliata ed è stato costruito anche un monastero limitrofo, stando sempre ai ritrovamenti.

La scoperta è avvenuta durante alcune indagini sul terreno in vista della costruzione di nuove aree della città di Beit Shemesh. Lo scorso agosto, nell’ambito di queste indagini, erano state ritrovate mura in pietra, e negli scavi successivi erano tornati alla luce pavimenti decorati con mosaici, crocifissi, ed elementi architettonici tipici dello stile paleocristiano.

La zona di Beit Shemesh era popolata da una maggioranza di cristiani all’epoca in cui la chiesa è stata datata. In quel secolo, l’imperatore Costantino legalizzò il cristianesimo in tutto il territorio controllato da Roma, ponendo le basi perché potesse divenire la religione ufficiale dell’impero.

Altri scavi nell’area di Beit Shemesh hanno mostrato come la comunità cristiana locale dell’epoca fosse impegnata in numerose attività agricole, come la produzione del vino e dell’olio, di cui sono state trovate testimonianze. Tuttavia, il ritrovamento della chiesa fa vedere tutto sotto un’altra ottica. È infatti probabile che le strutture per la produzione agricola fossero luoghi strettamente legati alla chiesa.

Negli scavi sono stati poi trovate numerose croci, un turibolo per l’incenso e una serie di pregevoli mosaici. Secondo l’archeologo Benyamin Storchan, le immagini raffigurate in tali mosaici non hanno eguali nelle altre chiese dell’area, cosa sta a significare come questo edificio aveva probabilmente una notevole importanza.

I mosaici, in quell’epoca, venivano realizzati in maniera abbastanza standardizzata. Uscire dalle raffigurazioni più diffuse significava in genere pagare di più, cosa che i committenti facevano in genere per opere di particolare importanza. Un altro indizio che lascia intendere che l’edificio fosse particolarmente importante è la grande quantità di marmo importato dalla Turchia e le notevoli dimensioni della chiesa, di 40 metri per 70.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La principessa d’Olanda rinuncia all’indennità da 1,6 milioni di euro: “Non li merito”
Esteri / Al via l’incontro tra Biden e Putin. Il presidente Usa: “Sempre meglio incontrarsi faccia a faccia”
Esteri / Usa, lite per la mascherina: cliente spara e uccide la cassiera di un supermercato
Ti potrebbe interessare
Esteri / La principessa d’Olanda rinuncia all’indennità da 1,6 milioni di euro: “Non li merito”
Esteri / Al via l’incontro tra Biden e Putin. Il presidente Usa: “Sempre meglio incontrarsi faccia a faccia”
Esteri / Usa, lite per la mascherina: cliente spara e uccide la cassiera di un supermercato
Esteri / Il nuovo Governo di Israele bombarda la Striscia di Gaza dopo il lancio di palloni incendiari
Esteri / La Nato per contare ancora ha bisogno di un nemico: Biden ne ha trovato uno (di G. Gramaglia)
Esteri / L'Ungheria vieta la "promozione dell'omosessualità ai minori"
Esteri / Ikea condannata in Francia per aver fatto spiare lavoratori e clienti
Esteri / Gemelle sposano lo stesso uomo: “Stiamo provando a restare incinte nello stesso momento”
Esteri / New York, fattorino accoltellato mentre è in bici termina la consegna prima di andare in ospedale
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi