Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Negli ultimi 40 anni è scomparso il 60 per cento degli animali selvatici

Immagine di copertina

Secondo un rapporto diffuso dalla Società zoologica di Londra e dal Wwf, entro il 2020 potrebbero scomparire i due terzi delle specie selvatiche

Un rapporto stilato dalla Società zoologica di Londra (Zsl) e dal Wwf ha reso noto che dal 1970 a oggi è scomparso il 58 per cento della fauna selvatica.

Il documento, che viene pubblicato ogni due anni con il titolo Living Planet, riferisce che se l’attuale trend dovesse continuare, i due terzi dei vertebrati scompariranno entro il 2020.

L’impatto delle attività umane sull’ambiente, il commercio di animali selvatici, l’inquinamento e il cambiamento climatico sono tutti fattori che contribuiscono al loro declino.

“Conosciamo le cause e sappiamo fino a che punto gli uomini hanno un impatto negativo sulla natura e sulla fauna selvatica, spetta a noi agire per invertire la tendenza”, ha dichiarato Mike Barrett del Wwf.

Alcune specie sono più in pericolo di altre. Per esempio, l’ambiente d’acqua dolce è particolarmente colpito, con un declino dell’81 per cento negli ultimi 46 anni, a causa dell’utilizzo delle acque per le attività umane e la costruzione delle dighe.

Ma anche altri animali sono a rischio: gli elefanti africani vittima del bracconaggio e gli squali minacciati dalla pesca.

Eppure, sottolinea Robin Freeman della Zsl, non si tratta di estinzioni: nulla è perduto se scegliamo di agire per la conservazione delle specie selvatiche.

Tuttavia, il rapporto ha attirato alcune critiche circa la metodologia utilizzata per la raccolta e l’analisi dei dati: i suoi redattori si sono difesi sostenendo che hanno raccolto le migliori informazioni disponibili e lamentando la carenza di statistiche adeguate per alcune regioni o alcuni periodi.

Credit: Wwf

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”