Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Spagna, arrestato il rapper Hasél per gli insulti al Re nelle sue canzoni. Gli artisti: “Libertà in pericolo”

Immagine di copertina

L’artista Pablo Rivadulla Duro, in arte Hasél, “rapper, poeta e comunista” finisce in carcere per gli insulti al Re di Spagna Juan Carlos contenuti delle sue canzoni e dei suoi tweet. Un artista dietro le sbarre è un fatto che imbarazza il governo progressista spagnolo guidato da Pedro Sánchez, che infatti ha già provato a correre ai ripari con una riforma della legge sul vilipendio.

Il rapper 32enne è stato condannato per “esaltazione del terrorismo e ingiurie alla Corona e alle istituzioni dello Stato“, contenute nei testi di canzoni e post sui social dove i membri della famiglia reale spagnola vengono definiti, se va bene, “ladroni”. Ma quello di Pablo Hasél è soltanto l’ultimo di una serie di casi in cui viene attaccata la libertà di espressione degli artisti. La Ong Free Muse, che si batte per la libertà di espressione, nel 2019 ha calcolato 14 casi di artisti condannati in Spagna (maglia nera in Europa in questa categoria), riporta La Stampa.

In difesa del rapper catalano si sono mossi oltre 200 artisti, tra questi il regista Pedro Almodóvar, l’attore Javier Bardem e il cantante Joan Manuel Serrat: “La persecuzioni a rapper, utenti di Twitter, giornalisti, così come altri rappresentanti del mondo della cultura e dell’arte che esercitano il proprio diritto alla libertà di espressione sono diventate purtroppo una costante nel nostro Paese”.

Leggi anche: 1. La Cina ha già oscurato Clubhouse; // 2. Censura? No, il problema è che abbiamo dato troppo potere a Facebook e Twitter (di Gabriele Volpe)

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan