Covid ultime 24h
casi +10.497
deceduti +603
tamponi +254.070
terapie intensive -57

Il rap delle donne indiane contro gli stupri

Con la campagna Rap against rapes, due ragazze indiane denunciano le violenze sessuali contro le donne

Di TPI
Pubblicato il 24 Mag. 2015 alle 20:09 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 23:23
0
Immagine di copertina

“Su quel treno affollato oggi, sei sicuro di non aver visto quell’uomo che metteva la sua mano sotto la mia maglietta? Non ti ha fatto ribollire il sangue e indignare abbastanza da prendere una posizione? O hai semplicemente permesso che succedesse, perché ero stata stupida a viaggiare da sola?”

Pankhuri Awasthi e Uppekha Jain sono due rapper donne di Mumbai, in India, e si fanno chiamare BomBaebs. Con la campagna #Rapagainstrapes, le due ragazze vogliono portare il tema degli stupri sotto i riflettori, chiedendo a chi le ascolta di prendere posizione e ribellarsi a chi incolpa le donne per le violenze sessuali che subiscono.

Il loro rap inizia dicendo che l’India è ormai conosciuta come “la terra degli stupri”. Secondo le statistiche del National Crime Records Bureau (Ncrb), in India ogni giorno vengono stuprate 93 donne. Nel 2014 a Nuova Delhi, la capitale indiana, sono stati riportati 2.069 casi di violenze sessuali, con un incremento di oltre il 31 per cento rispetto all’anno precedente.

“Molte delle questioni di cui parliamo nel nostro video non si riferiscono solo all’India”, dice Jain. “Quindi spero che tutti si sentano responsabili e si impegnino nella lotta per i diritti delle donne e per l’uguaglianza di genere”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.