Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La ragazza afghana immortalata da McCurry potrebbe ottenere il rilascio su cauzione

Immagine di copertina

Sharbat Gula era stata arrestata la settimana scorsa in Pakistan per aver falsificato i suoi documenti d'identità

Secondo il ministro dell’Interno pachistano, la ragazza afghana immortalata da Steve McCurry nel 1984 e arrestata qualche giorno fa in Pakistan per aver falsificato i propri documenti d’identità dovrebbe essere rilasciata su cauzione in considerazione di ragioni umanitarie e avendo a disposizione “l’attenuante” di essere una donna.

Sharbat Gula rischia fino a 14 anni di prigione, ma il ministro Chaudhry Nisar Ali Khan ha dichiarato che l’Agenzia federale per le indagini darà disposizioni per la cauzione il prima possibile.

Tuttavia, Khan ha aggiunto che le accuse contro la donna, uno dei volti più noti della storia recente, non possono essere ritirate, né le sarà concesso il rimpatrio o un visto temporaneo.

L’udienza per la cauzione è fissata per martedì primo novembre 2016.

La notizia dell’arresto di Gula era stata diffusa anche dallo stesso fotografo che l’aveva ritratta in un campo profughi oltre trent’anni fa: “Mi impegno a fare qualunque cosa per assicurare e a lei e alla sua famiglia assistenza legale e finanziaria”.

In Pakistan sono registrati 1,4 milioni di rifugiati afghani, ma si ritiene che un altro milione risieda nel paese.

— LEGGI ANCHE: La ragazza afghana fotografata da Steve McCurry è stata arrestata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Esteri / Scuole bombardate e senza corrente elettrica: a Gaza iniziano gli esami di maturità
Esteri / Crisi umanitaria in Etiopia: raid contro un mercato nel Tigray, decine di vittime
Esteri / Mar Nero, russi sparano colpi di avvertimento contro una nave britannica
Esteri / Dimentica di essere sposato per via dell'Alzheimer e fa una seconda proposta alla moglie
Esteri / Von der Leyen contro la legge ungherese anti-Lgbt: “È una vergogna”
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino