Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il quotidiano francese Libération pubblica un numero speciale fatto esclusivamente da siriani

Immagine di copertina

In occasione del quinto anniversario della guerra in Siria, Libération ha dedicato il numero di venerdì 11 marzo alla vita quotidiana nel paese

L’11 marzo del 2016 il quotidiano francese Libération è uscito in edicola con un numero speciale. In occasione del quinto anniversario della guerra in Siria, il giornale ha pubblicato uno speciale intitolato in Arabo “Tahrir”, liberazione o emancipazione. 

In copertina, accanto a un disegno del fumettista siriano Juan Zero che ritrae alcuni bambini su una giostra costruita su una bomba, si legge: “Il quotidiano dei siriani, un numero interamente redatto da giornalisti, intellettuali e artisti siriani che raccontano un paese in guerra da cinque anni”.

L’edizione conta 20 pagine in cui si racconta la vita quotidiana in città ormai devastate dalla guerra, gli orrori della conta delle vittime, il contrabbando di petrolio e il ruolo della Russia nel conflitto.

Le persone che hanno contribuito a questo numero speciale erano tra i giovani che sono scesi in piazza nel 2011 per chiedere libertà, dignità e democrazia. Sono le stesse persone che hanno dato vita al movimento dei cittadini-giornalisti che hanno documentato la guerra sin da quando i media stranieri hanno lasciato la Siria. Infatti, dal 2011 sono fioriti i giornali locali distribuiti nelle città per contrastare l’informazione faziosa dei media di stato. 

Ma sono anche quegli artisti critici nei confronti del regime che sono stati costretti all’esilio. Lo speciale include infatti una pagina sull’arte e su come i lavori degli artisti siriani siano stati influenzati dalla guerra.

Bénédicte Jeannerod, di Human Rights Watch, ha spiegato come l’iniziativa sia nata da un’idea di un gruppo di Ong, tra cui anche Amnesty International, a cui Libération ha aderito con entusiasmo. La giornalista franco-siriana Hala Kodmani si è poi mobilitata alla ricerca di contributi da parte di giornalisti, scrittori e artisti siriani.

Libération, noto ai lettori col nomignolo di Libé, è un quotidiano parigino di sinistra fondato nel 1973 dal filosofo Jean-Paul Sartre.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Ti potrebbe interessare
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio
Esteri / Biden annuncia lo stop ai brevetti sui vaccini: "Tempi straordinari richiedono misure straordinarie"
Esteri / Facebook conferma il bando di Trump. Il tycoon sfida il social e lancia la sua piattaforma: “La pagheranno”
Esteri / Basta camerieri, ok a scienziati e ingegneri: al via la stretta sull’immigrazione del Regno Unito
Esteri / Affari e petrolio: Total finanzia da anni la giunta militare in Myanmar