Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:53
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Una quindicenne ha proposto nuove emoji con kefiah e hijab

Immagine di copertina

Una ragazza saudita residente in Germania ha ideato delle emoji che rappresentino la cultura arabo-musulmana, alimentando il dibattito sul multiculturalismo in Europa

Un’adolescente saudita ha avuto l’idea di proporre alcune emoji che rappresentino la cultura arabo-musulmana, emoji con la kefiah e con l’hijab.

Rayouf al-Humedhi, 15enne saudita ma residente in Germania, ha sottoposto all’Unicode Consortium, l’organizzazione che esamina e sviluppa le nuove emoji, la sua idea e se la proposta sarà approvata diventerà disponibile per tutti nel 2017.

La ragazza ha spiegato alla Bbc come è nata la sua idea: “Oggi, sentirsi rappresentati è estremamente importante. Le persone vogliono essere comprese e accettate, specialmente nel mondo tecnologico. È qualcosa di importante, le emoji sono ovunque”, ma, dice Rayouf, non ce n’è nessuna che rappresenti le donne musulmane che indossano il velo, nonostante nel mondo siano tantissime.

La versione finale della proposta verrà sottoposta all’Unicode a novembre. Ma già adesso l’idea della quindicenne ha innescato un dibattito che coinvolge il tema della presenza islamica in Europa: la questione del velo, dell’uguaglianza di genere, della libertà religiosa e della tradizione secolare europea, e anche i timori legati all’immigrazione e al terrorismo. Un dibattito, insomma, che affronta il delicato tema del multiculturalismo nel nostro continente.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Potenti esplosioni avvertite a Mykolaiv, nuovi aiuti dagli Usa. Cingolani: “Se Mosca chiudesse il gas, l’inverno potrebbe essere difficile”
Esteri / Mamma vegana costringe il figlio a mangiare solo frutta e verdura cruda per 18 mesi: lui muore di fame
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Esteri / Guerra in Ucraina, missili su palazzo a Odessa: salgono a 19 le vittime. Mosca: la Nato è tornata a logiche da guerra fredda
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera