Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Quattro liceali di Londra hanno sposato uomini con l’approvazione dell’Isis

Immagine di copertina

Hanno tutte fra i 15 e i 16 anni. Sono partite alla volta della Siria per unirsi al gruppo estremista nel febbraio del 2015. Due di loro sono già vedove

Le quattro studentesse di Bethnal Green, nell’est di Londra, che erano scappate di casa alla volta della Siria per unirsi all’Isis circa un anno fa hanno tutte quante sposato uomini con l’approvazione del gruppo estremista. Due di loro sono già vedove.

Le quattro ragazze, tutte tra i 15 e i 16 anni, avevano lasciato il Regno Unito in tempi diversi. Shamima Begum, Kadiza Sultana e Amira Abase erano partite a febbraio 2015, durante le vacanze scolastiche di metà semestre, per raggiungere una compagna partita due mesi prima.

Avevano progettato e preparato la fuga insieme. Dopo aver stilato una lista delle cose da portare con loro – lista presumibilmente scaricata dalle guide online per le nuove reclute – avevano acquistato un volo della Turkish Airlines per la Turchia, che confina con la Siria, e da lì avevano raggiunto i territori sotto il controllo dell’Isis, per stabilirsi infine a Raqqa, capitale dell’Isis in territorio siriano.

Secondo quanto hanno riferito le ragazze durante l’ultima comunicazione con le proprie famiglie, risalente a metà dicembre 2015, l’Isis ha proibito l’uso di telefoni cellulari ma non ha chiuso gli internet caffè né proibito l’uso di Skype. Benché le famiglie attendano ancora che le ragazze tornino a casa, le speranze in tal senso si vanno sempre più assottigliando.

Secondo i genitori delle tre ragazze scappate a febbraio 2015, la polizia avrebbe tenuto segrete alcune informazioni in merito alla fuga della prima studentessa, che li avrebbero potuti allertare circa la possibilità che anche le proprie figlie venissero reclutate dall’Isis. La polizia metropolitana si è in seguito scusata.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa