Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Gilet gialli, il video virale del pugile che prende a pugni un poliziotto

Il 7 gennaio 2019 l’ex campione di Francia dei pesi massimi-leggeri, Christophe Dettinger, e membro dei gilet gialli si è consegnato alla polizia.

L’uomo, 37 anni, era finito al centro delle polemiche dopo aver aggredito alcuni agenti di polizia a Parigi durante le proteste di sabato pomeriggio: l’episodio era stato immortalato in un video che ha fatto il giro della rete.

Ex combattente professionista che lavora per il governo locale nella zona di Essonne, a sud di Parigi, Dettinger è anche noto come “The Gypsy From Massy”, essendo originario dell’omonima città a sud della capitale. È diventato campione francese dei pesi massimi-leggeri il 30 ottobre 2007, primato che ha conservato fino all’anno successivo.

A causa dell’aggressione ai danni dei poliziotti francesi sul ponte Leopold-Sedar-Senghor che collega i giardini delle Tuileries al Musee d’Orsay, adesso l’ex pugile rischia una condanna a diversi anni di carcere.

Secondo il codice penale francese infatti sono previsti fino a tre anni di carcere e una multa di 45mila euro per chi aggredisce un pubblico ufficiale: le condanne tuttavia possono essere aumentate in determinate circostanze.

Sulla vicenda si è espressa anche la federazione di boxe francese, che in  una dichiarazione ufficiale ha condannato le violenze, affermando che simili episodi sono “completamente contrarie ai valori del nostro sport”.

“La Federazione di boxe francese invia il suo sostegno alla famiglia e ai cari del funzionario che è stato vittima di questo individuo, ma ugualmente a tutte le forze di sicurezza che sono state in servizio in queste ultime settimane”, è quanto si legge nella nota pubblicata dalla FFB.

A convincere l’ex pugile a consegnarsi è stato l’ex allenatore di Dettinger, Jacky Trompesauce: “C’è stato qualcosa che lo ha scatenato”, ha spiegato all’emittente radiofonica francese RMC, dichiarando che Christophe Dettinger avrebbe visto una donna aggredita da alcuni agenti di polizia e per questo avrebbe reagito contro la polizia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane