Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Alla laurea con un materasso

Immagine di copertina

Una studentessa americana, vittima di violenza sessuale, protesta contro l’università che non ha espulso il suo aggressore

Ha portato il materasso anche alla laurea. Lo scorso autunno Emma Sulkowicz, studentessa della Columbia University, aveva deciso di frequentare ogni lezione portandosi dietro un materasso, dove era stata stuprata da un suo compagno di università. Si portava dietro quel peso in segno di protesta, perché lo staff universitario non aveva creduto alla sua testimonianza e non aveva espulso il presunto aggressore.

Ieri sera la studentessa ha così deciso di proseguire la protesta anche durante la cerimonia di laurea. Aiutata da quattro amiche, ha sfilato con il materasso, tra gli applausi degli studenti. Le regole del college proibiscono di portare oggetti nella sala della cerimonia, ma lo staff della Columbia le ha permesso di entrare con il materasso.

Le proteste di Sulkowicz e delle altre ragazze della Columbia hanno riacceso i riflettori su uno dei crimini meno denunciati ma più diffusi nei college americani: le violenze sessuali. Tra il 20 e il 25 per cento delle studentesse universitarie negli Stati Uniti affermano di aver subito uno stupro o un tentativo di violenza, secondo i dati del 2012 dell’Istituto Nazionale della Sanità americano.

Nonostante le denunce di Sulkowicz e di altre due studentesse, il college ha difeso Paul Nungesser, il presunto aggressore, ritenendolo “non responsabile”. Lo scorso mese, il ragazzo ha comunque sporto denuncia contro alcuni membri della Columbia che avevano approvato la protesta della studentessa, accusandoli di aver contribuito a farlo diffamare pubblicamente.

— Leggi anche: La storia di Emma Sulkowicz


Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda