Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Gli attivisti di Hong Kong rifiutano l’autorità della Cina durante l’insediamento in parlamento

Immagine di copertina

Alle ultime elezioni legislative sono entrati nel consiglio cittadino rappresentanti del movimento degli ombrelli che nel 2014 guidò le manifestazioni contro Pechino

I giovani attivisti per la democrazia eletti nel parlamento di Hong Kong mercoledì 12 ottobre hanno sfidato apertamente la Cina nel giorno dell’insediamento nel Consiglio legislativo della città.

Nathan Law, il giovane studente a capo della cosiddetta “rivoluzione degli ombrelli”, che nel 2014 guidò le manifestazioni di strada e gli scioperi per protestare contro l’ingerenza di Pechino, ha tenuto un discorso in cui ha citato il Mahatma Gandhi e ha pubblicamente rifiutato l’autorità della Cina.

La città, una ex colonia britannica, è ritornata sotto il controllo cinese nel 1997 in un regime di amministrazione speciale.

Law e altri tre deputati eletti nelle liste del partito Demosisto si sono rifiutati di giurare, definendo la cerimonia uno strumento utilizzato da Pechino per ribadire il controllo esercitato sui cittadini di Hong Kong, e hanno esposto sui banchi del parlamento uno striscione con la scritta “Hong Kong is not China” (Hong Kong non è Cina).

La cerimonia di giuramento era la prima riunione ufficiale del Consiglio legislativo cittadino dopo le elezioni in cui, nonostante la schiacciante vittoria del partito alleato di Pechino, sono entrati quattro esponenti del movimento degli ombrelli.

Prima di assumere le loro funzioni, i deputati devono recitare un breve giuramento. Nel testo è ripetuta in più occasioni la frase “Hong Kong è una provincia cinese a statuto speciale”, che è stata sostituita dai quattro deputati del movimento con “la nazione di Hong Kong”. In altre occasioni, i quattro si sono rivolti alla Cina con la parola “Shina”, un termine dispregiativo utilizzato nel passato dai giapponesi.

Anche altri deputati dell’opposizione rieletti al Consiglio legislativo hanno partecipato alla protesta, sebbene non nelle forme estreme utilizzate dai giovani di Demostito, per esempio leggendo il giuramento sotto un ombrello, il simbolo delle proteste del 2014.

Per il momento i leader cinesi hanno negato qualsiasi concessione nell’amministrazione della città, ma i risultati delle ultime elezioni legislative hanno messo in luce le difficoltà dell’approccio “un partito, due sistemi” finora utilizzato dal Partito comunista per influenzare la politica dell’ex-colonia britannica.

(Un’immagine della protesta messa in atto dall’opposizione. Credit: Reuters)

Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”