Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Per la prima volta a una donna il Millennium Technology Prize

Immagine di copertina

L'ingegnere Frances Arnold è stata premiata per le sue scoperte nell’ambito dell'”evoluzione diretta”, che imita l’evoluzione naturale per creare nuove proteine

Martedì 24 maggio l’ingegnere statunitense Frances Arnold è
stata la prima donna a ricevere a Helsinki il prestigioso Millennium Technology
Prize, assegnato ogni due anni dall’Accademia della tecnologia finlandese.

Il premio è destinato a chi si distingua nell’ideare
innovazioni tecnologiche che possano migliorare la vita delle persone, e viene
considerato una sorta di “Nobel per la tecnologia”, che finora solo sette
persone hanno ricevuto.

Quest’anno il premio è giunto alla settima edizione, e in
passato ha visto come vincitori Tim Berners-Lee, ovvero l’inventore del World
Wide Web, o Linus Torvalds, l’uomo che ha ideato e diffuso il sistema operativo
gratuito Linux.

Frances Arnold è invece un ingegnere biochimico, e l’ente
finlandese ha voluto premiarla (con un premio in denaro di un milione di euro) per
le sue scoperte nell’ambito dell’”evoluzione diretta”, che imita l’evoluzione naturale
per creare nuove e migliori proteine ​​in laboratorio.

Le innovazioni di Arnold hanno rivoluzionato il processo
lento e costoso di modifica delle proteine, e oggi i suoi metodi vengono
utilizzati in centinaia di laboratori e aziende di tutto il mondo per la
produzione di combustibili, prodotti di carta, prodotti farmaceutici, prodotti
tessili e prodotti chimici agricoli.

Il metodo di Frances Arnold genera mutazioni casuali nel Dna
proprio come accade in natura, e i geni modificati producono proteine ​​con
nuove proprietà, tra le quali il ricercatore può scegliere quelle utili,
ripetendo il processo fino a raggiungere il livello di prestazioni necessario all’industria.

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass