Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La polizia turca ha arrestato alcuni uiguri collegati all’attentato di Capodanno

Immagine di copertina

Secondo gli investigatori l’autore della strage di capodanno potrebbe appartenere all’etnia turcofona di religione musulmana che vive nella Cina occidentale

Le autorità turche hanno arrestato giovedì 5 gennaio alcune persone di etnia uigura accusate di essere coinvolte nel massacro nella discoteca Reina di Istanbul la notte di capodanno, in cui hanno perso la vita 39 persone.

Provengono dalla regione cinese dello Xinjiang e secondo l’agenzia stampa Anadolu hanno legami con l’attentatore. Nonostante la serie di arresti compiuti dalla polizia, l’autore della strage è ancora in fuga.

Il vice primo ministro Veysi Kaynak ha dichiarato che anche l’autore della strage probabilmente appartiene all’etnica turcofona di religione musulmana della Cina occidentale. Avrebbe agito da solo ma ha ricevuto aiuto logistico. 

I media turchi hanno diffuso numerose immagini del presunto attentatore in fuga, sostenendo che erano provenienti da fonti interne alle indagini ma la polizia non ha mai fornito dettagli ufficiali. Il ministro degli Esteri turco ha confermato che l’attentatore è stato identificato, senza tuttavia diffuso ulteriori dettagli.

Il sedicente Stato islamico ha rivendicato l’attentato come rappresaglia per l’intervento militare della Turchia in Siria contro il califfato. Le autorità nel frattempo hanno reso più stringenti i controlli alla frontiera e negli aeroporti.

Le forze speciali questa mattina hanno compiuto un raid in un quartiere di Selimpasa, una città costiera alla periferia di Istanbul, dopo che la polizia aveva individuato alcuni soggetti sospettati di avere collegamenti con l’attentatore.

Tra gli arrestati c’erano numerosi uiguri, accusati di favoreggiamento e di avere fornito supporto logistico al jihadista. Altre persone sono state arrestate a Smirne, dove nel pomeriggio di giovedì 5 gennaio c’è stato un attentato davanti al tribunale della città.

Sono dunque definitivamente smentite le voci circolate negli ultimi giorni che il colpevole provenisse da un paese dell’Asia centrale.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Esteri / La Slovenia legalizza matrimonio ed adozione per le coppie omosessuali
Ti potrebbe interessare
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Esteri / La Slovenia legalizza matrimonio ed adozione per le coppie omosessuali
Esteri / Approvato nuovo pacchetto di sanzioni Ue alla Russia, incluso price cap al petrolio
Esteri / Gas dalla Russia all’Italia: ripresi i flussi attraverso l’Austria
Esteri / La gaffe del generale russo: per errore svela sulla mappa l’avanzata della controffensiva ucraina
Esteri / Von Der Leyen: “Pronti a discutere un tetto al prezzo del gas utilizzato per generare elettricità”
Esteri / Guerra in Ucraina, camera delle torture a Pisky-Radkivski: rinvenuti denti d’oro. Le foto shock
Esteri / Corea del Sud, esercitazioni con gli Usa: lanciati 4 missili sul Mar del Giappone. Uno si schianta al suolo
Esteri / Caricabatterie unico, arriva il sì definitivo del parlamento europeo: entro il 2024 l’obbligo per i device portatili