Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La polizia tedesca ha chiuso la moschea frequentata dall’attentatore di Berlino

Immagine di copertina

Le autorità hanno proibito l'ingresso nella moschea di Anis Amri, perquisendo 24 luoghi sospettati di essere al centro di attività terroristiche nella capitale tedesca

La polizia tedesca ha perquisito 24 luoghi a Berlino sospettati di essere al centro di attività terroristiche. Tra questi le autorità hanno chiuso la moschea frequentata da Anis Amri, l’attentatore di origine tunisina che il 19 dicembre 2016 si era scagliato con un tir sul mercatino di Natale della Chiesa della memoria a Berlino uccidendo 12 persone e ferendone 48.

**Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.**

La moschea Fussilet, nel quartiere di Moabit, è stata proibita ai fedeli. L’operazione di polizia che ha portato alle perquisizioni e alla chiusura del luogo di preghiera è stata condotta da 460 agenti.

Gli inquirenti ritengono che Amri avesse frequentato più volte la moschea che era usata anche per organizzare altri attentati. In particolare, era il punto di raccolta dei fondi per condurre operazioni terroristiche in Siria. 

Inoltre, nell’associazione i musulmani seguivano lezioni di dottrina islamica durante le quali erano radicalizzati e spinti ad appoggiare la militanza armata in Siria. I frequentatori del luogo di culto provenivano in particolare da Turchia e regioni del Caucaso. 

“Oggi è stato dato un segnale chiaro, per dire che qui non c’è posto per chi promuove la violenza, recluta militanti per lo stato islamico e fa donazioni per attentati in Siria e Iraq”, detto Andrea Geisel, il ministro dell’Interno della capitale tedesca.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.** 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Etiopia, in Tigray due milioni di persone senza cibo: “Andiamo a dormire sperando di non morire”
Esteri / Orbán presto in Russia per vedere Putin: chiederà più gas verso l’Ungheria
Esteri / Honduras, Xiomara Castro è la prima presidente donna del paese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Etiopia, in Tigray due milioni di persone senza cibo: “Andiamo a dormire sperando di non morire”
Esteri / Orbán presto in Russia per vedere Putin: chiederà più gas verso l’Ungheria
Esteri / Honduras, Xiomara Castro è la prima presidente donna del paese
Esteri / Pakistan, 14enne si spara accidentalmente e muore mentre gira video su TikTok
Esteri / Polonia, donna incinta muore dopo aver portato in grembo un feto morto per 7 giorni
Esteri / Ucraina, tensione ancora alta: ambasciatore Usa consegna la risposta scritta alle garanzie chieste da Mosca
Esteri / Usa, 23enne trovata morta dopo un appuntamento su un’app di incontri: si indaga per omicidio
Esteri / Francia, il Parlamento approva: “Vietate le ‘terapie di conversione’ usate per ‘guarire’ l’omosessualità”
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo