Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un politico svedese ha proposto un’ora pagata di pausa dal lavoro per fare sesso

Immagine di copertina

La proposta potrà essere approvata tra due mesi, e coinvolgerebbe i 550 impiegati del suo comune, che dispongono già di un’ora settimanale pagata per le attività sportive

Per-Erik Muskos, un membro del consiglio comunale della cittadina di Overtornea, nel nord della Svezia, ha ufficialmente propostot che i suoi concittadini impiegati municipali possano disporre di una pausa pagata di un’ora a settimana dal lavoro per andare a casa e fare sesso con i loro partner.

Ciò che ha spinto Muskos a inoltrare l’anomala proposta lunedì 21 febbraio è a quanto pare la preoccupazione per le coppie che non hanno modo di trascorrere abbastanza tempo insieme.

“Si tratta di avere rapporti migliori. Dovremmo incoraggiare la procreazione”, ha dichiarato il politico all’agenzia Afp. “Credo che spesso non si faccia abbastanza sesso. La vita di tutti i giorni è stressante e magari ci sono i bambini in casa. Questa disposizione potrebbe far sì che le coppie abbiano del tempo solo per loro”.

*Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.*

La proposta dovrà essere approvata o respinta tra circa due mesi, e coinvolgerebbe i 550 impiegati del comune, che dispongono già di un’ora settimanale pagata per le attività sportive.

Se la misura fosse effettivamente accolta, si andrebbe ad aggiungere alle già molto permissive leggi svedesi rispetto al lavoro, che prevedono tra l’altro tre pause caffè giornaliere. Oppure i 480 giorni di congedo parentale retribuito che può essere condiviso tra i genitori, nonché la sperimentazione di una giornata di lavoro di sei ore (pagate come fossero otto).

In generale, l’orario di lavoro medio per gli svedesi ammonta a 1.612 ore all’anno, che corrispondono al 9 per cento in meno rispetto alla media OCSE. Inoltre, solo l’1 per cento degli svedesi fa gli straordinari.

Non sembra che questo abbia finora intaccato l’economia del paese, che secondo le stime dell’Unione europea crescerà al 2,4 per cento quest’anno, in calo rispetto al 3,3 per cento del 2016, ma comunque più forte della media dell’Unione europea, ferma all’1,6 per cento, e degli Stati Uniti, per i quali si prevede una crescita del 2,3 per cento.

(Un grafico delle ore lavorative di alcuni paesi mondiali nel 2015. Credit: Quartz)


**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Esteri / È morta Olivia Newton-John: la star di “Grease” aveva 73 anni
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla
Esteri / Taiwan prepara due esercitazioni di artiglieria. Si riducono operazioni della Cina, riprendono voli
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”