Covid ultime 24h
casi +22.865
deceduti +339
tamponi +339.635
terapie intensive +64

Un politico svedese ha proposto un’ora pagata di pausa dal lavoro per fare sesso

La proposta potrà essere approvata tra due mesi, e coinvolgerebbe i 550 impiegati del suo comune, che dispongono già di un’ora settimanale pagata per le attività sportive

Di TPI
Pubblicato il 24 Feb. 2017 alle 17:40 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 20:23
0
Immagine di copertina

Per-Erik Muskos, un membro del consiglio comunale della cittadina di Overtornea, nel nord della Svezia, ha ufficialmente propostot che i suoi concittadini impiegati municipali possano disporre di una pausa pagata di un’ora a settimana dal lavoro per andare a casa e fare sesso con i loro partner.

Ciò che ha spinto Muskos a inoltrare l’anomala proposta lunedì 21 febbraio è a quanto pare la preoccupazione per le coppie che non hanno modo di trascorrere abbastanza tempo insieme.

“Si tratta di avere rapporti migliori. Dovremmo incoraggiare la procreazione”, ha dichiarato il politico all’agenzia Afp. “Credo che spesso non si faccia abbastanza sesso. La vita di tutti i giorni è stressante e magari ci sono i bambini in casa. Questa disposizione potrebbe far sì che le coppie abbiano del tempo solo per loro”.

*Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.*

La proposta dovrà essere approvata o respinta tra circa due mesi, e coinvolgerebbe i 550 impiegati del comune, che dispongono già di un’ora settimanale pagata per le attività sportive.

Se la misura fosse effettivamente accolta, si andrebbe ad aggiungere alle già molto permissive leggi svedesi rispetto al lavoro, che prevedono tra l’altro tre pause caffè giornaliere. Oppure i 480 giorni di congedo parentale retribuito che può essere condiviso tra i genitori, nonché la sperimentazione di una giornata di lavoro di sei ore (pagate come fossero otto).

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

In generale, l’orario di lavoro medio per gli svedesi ammonta a 1.612 ore all’anno, che corrispondono al 9 per cento in meno rispetto alla media OCSE. Inoltre, solo l’1 per cento degli svedesi fa gli straordinari.

Non sembra che questo abbia finora intaccato l’economia del paese, che secondo le stime dell’Unione europea crescerà al 2,4 per cento quest’anno, in calo rispetto al 3,3 per cento del 2016, ma comunque più forte della media dell’Unione europea, ferma all’1,6 per cento, e degli Stati Uniti, per i quali si prevede una crescita del 2,3 per cento.

(Un grafico delle ore lavorative di alcuni paesi mondiali nel 2015. Credit: Quartz)


**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.