Notre Dame, il miliardario Francois-Henri Pinault dona 100 milioni per la ricostruzione

Di Beatrice Tomasini
Pubblicato il 16 Apr. 2019 alle 10:25 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 23:32
0
Immagine di copertina
Pinault notre dame

Il miliardario Francois-Henri Pinault, presidente e amministratore delegato del gruppo Kering (Gucci, Pomellato, Saint Laurent e altri marchi di lusso) donerà oltre 100 milioni di euro per la ricostruzione della cattedrale di Notre Dame.

“Mio padre ed io abbiamo deciso di donare 100 milioni di euro per contribuire agli sforzi necessari per la completa ricostruzione di Notre Dame”, ha fatto sapere Pinault in un comunicato diffuso dai media francesi. Il contributo arriverà dalla società di investimenti di famiglia, Artemis.

Il gesto del magnate, marito dell’attrice messicana Salma Hayek, è stato seguito da quello della famiglia Arnault che possiede il gruppo LVHM (Christian Dior, Bulgari, Guerlain e Louis Vuitton): in questo caso si parla di 200 milioni di euro.

È iniziata dunque una gara di solidarietà tra i giganti del lusso per la ricostruzione della cattedrale di Notre Dame, simbolo di Parigi e della Francia, divorata dalle fiamme dopo un incendio scoppiato ieri poco prima delle ore 19.

Ora il peggio sembra scongiurato: i vigili del fuoco hanno fatto sapere che l’incendio è stato definitivamente spento. Le fiamme sarebbero partite da una delle impalcature messe in piedi per il restauro della cattedrale gotica.

La procura di Parigi  ha aperto un’inchiesta per “distruzione involontaria a mezzo di incendio”: la pista di un rogo accidentale è al momento la più accreditata. La struttura principale è salva e numerosi capolavori storico-artistici sono al sicuro.

Notre Dame, il magnate del lusso Arnault dona 200 milioni per il restauro: è gara tra miliardari

Il miracolo di Notre Dame: Croce e Altare centrale scampano alle fiamme e restano intatti

L’incendio della cattedrale di Notre Dame è “definitivamente spento”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.