Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’azienda farmaceutica Pfizer non concederà più i suoi prodotti per le iniezioni letali

Immagine di copertina

Il colosso dell’industria farmaceutica ha annunciato che smetterà di vendere i propri prodotti alle autorità statunitensi per l'esecuzione dei condannati a morte

Il colosso dell’industria farmaceutica Pfizer ha annunciato venerdì
13 maggio che i suoi prodotti non verranno più concessi alle autorità
statunitensi per essere utilizzati nelle iniezioni letali dei condannati a
morte.

Erano già più di 20 le aziende farmaceutiche americane ed
europee che avevano già negato l’uso dei propri farmaci, in particolare
barbiturici, ma si tratta in questo caso di una decisione che avrà un peso
notevole, visto che il gigante statunitense era fino ad ora l’ultimo a
concedere ancora i propri prodotti.

Attraverso il proprio sito internet, l’azienda ha annunciato
che verrà applicata una restrizione alla distribuzione di sette farmaci , che
potranno essere venduti solo a un gruppo selezionato di grossisti, distributori
e acquirenti diretti, a condizione che essi non li rivendano a istituti di
correzione.

“Con l’annuncio di Pfizer, tutti i produttori approvati
dalla Food and Drug Administration di qualsiasi farmaco potenzialmente
utilizzabile nelle condanne a morte hanno ritirato la propria disponibilità”,
ha detto Maya Foa di Reprieve, un’organizzazione britannica per la difesa dei
diritti umani. “Gli stati che ancora praticano le esecuzioni dovranno
rivolgersi al mercato illegale, se vorranno entrare in possesso di medicinali
per le iniezioni letali”.

“Pfizer crea i suoi prodotti per migliorare e salvare
la vita dei pazienti che serviamo, e si oppone con forza all’uso dei suoi
prodotti per le iniezioni letali legate alla pena di morte”, ha scritto l’azienda
farmaceutica nella sua dichiarazione di venerdì.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo