Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La petizione per liberare l’uomo che ha ucciso lo stupratore della figlia di otto anni

Immagine di copertina

Il responsabile era stato condannato a 5 anni, ma il padre una volta uscito di prigione l'ha ucciso per vendicarsi

Alcuni attivisti hanno avviato una campagna per chiedere la clemenza nei confronti di un padre dell’Alabama, negli Stati Uniti, che ha sparato e ucciso l’uomo che aveva violentato la figlia quando era appena una bambina.

Nel novembre del 2016 Jay Maynor, di 43 anni, è stato condannato a 40 anni di prigione per avere ucciso nel giugno del 2014 il 59enne Raymond Earl Brooks, il nonno adottivo della giovanissima figlia di Maynor, che adesso ha 24 anni e ha subito violenze sessuali da parte di Brooks quando era una bambina di otto.

L’uomo era stato condannato per abuso su minore a cinque anni di carcere nel 2002, ma aveva scontato solo 27 mesi in prigione. Qualche anno dopo essere uscito di carcere è stato ucciso dal padre che cercava vendetta.

Una petizione pubblicata su Change.org che ha già superato le ottomila firme chiede al presidente degli Stati Uniti e al governatore dell’Alabama di intervenire per graziare il padre.

“Jay Maynor è stato condannato a quarant’anni di prigione per avere ucciso lo stupratore di sua figlia. Jay non è un pericolo per la società, è un brav’uomo. Vorremmo che venisse liberato o la sua pena fosse ridotta”, si legge nella petizione online.

La figlia, dopo la condanna del padre, ha raccontato al quotidiano online AL.com che Maynor decise di uccidere lo stupratore al termine di una conversazione in cui lei, quasi venti anni dopo, gli confessò di non avere ancora superato il trauma.

“Lo dissi in un momento di rabbia e mio padre decise di proteggermi, come qualsiasi padre avrebbe fatto. È una persona fantastica e ha sempre amato la sua famiglia”, ha detto Julia.

Il 28 dicembre del 2016 il presidente francese François Hollande ha graziato Jacqueline Sauvage, di 69 anni, che aveva ucciso il marito dopo avere subito 47 anni di violenze da parte dell’uomo, che aveva anche abusato delle figlie.

Raymond Earl Brooks, lo stupratore della bambina. Credit: YouTube

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo