Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Perché siamo così ossessionati dalle notizie sul terrorismo

Immagine di copertina

Il nostro sistema cognitivo è attratto più dalle storie che dalle statistiche. Un video di Vox mostra come il nostro cervello rielabora le notizie sul terrorismo

Giornali, telegiornali, radio e siti online parlano ogni giorno di terrorismo, riproducendo immagini e filmati di violenza che non fanno che aumentare la paura del pubblico.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La maggior parte delle persone ha vissuto gli attacchi terroristici seguendo le varie notizie sul proprio smartphone o guardando la televisione. Tutti si chiedono dove sarà il prossimo attentato, se sarà possibile prevederlo in qualche modo e se sia sicuro viaggiare di questi tempi.

La copertura mediatica sul terrorismo è un grande business, ma può causare stress e ansia. I media sono soliti a ingigantire e a sensazionalizzare il fenomeno, tanto che la maggior parte degli americani pone il terrorismo tra i primi posti nella classifica delle dieci paure del 2016. Il 63 per cento delle persone non riesce a smettere di guardare le notizie dopo un attacco terroristico. 

Eppure gli attentati causano un numero inferiore di morti rispetto a tante altre cause, come per esempio la violenza armata. Allora perché ne siamo così ossessionati? Cosa succede al nostro cervello quando si sente parlare di terrorismo?

Secondo Bruce Schneier, un socio del Berkman Center for Internet Klein and Society di Harvard, l’esposizione a questo tipo di copertura mediatica sfrutta la tendenza del cervello a privilegiare le storie rispetto alle statistiche.

“La news, per definizione, è qualcosa che non accade quasi mai”, afferma il ricercatore a Vox. “Ma il nostro cervello non funziona in questo modo. Se è tra le notizie, se se ne è parlato e se se ne continua a parlare molto, tendiamo a considerarla come qualcosa di comune”.

Nel video viene spiegato come il nostro cervello riceve e rielabora le notizie che riguardano il terrorismo.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”