Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Papa Francesco invita i cristiani a chiedere perdono agli omosessuali

Immagine di copertina

Durante una conferenza stampa sul volo di ritorno dall'Armenia, il Pontefice ha detto che l’atto è dovuto per le discriminazioni subite dalla comunità Lgbt in passato

Papa Francesco ha dichiarato domenica 26 giugno che i cristiani devono chiedere perdono agli omosessuali e ad altre persone che sono state offese o discriminate in passato.

Il Pontefice lo ha sottolineato in una conferenza stampa durante il volo che lo riportava verso Roma, di ritorno dalla sua visita a Yerevan, in Armenia.

Il Papa ha parlato di molti temi controversi, tra cui il genocidio degli armeni e la Brexit, ma il filo comune della conferenza va ritrovato nella necessità da parte della Chiesa cattolica di chiedere il perdono per una serie di offese commesse in suo nome.

“Gli omosessuali non dovrebbero essere discriminati, ma dovrebbero essere rispettati, accompagnati pastoralmente”, ha dichiarato. “La Chiesa non dovrebbe limitarsi a chiedere scusa alle persone omosessuali offese, ma anche ai poveri, ai bambini e alle donne sfruttate. E quando dico la Chiesa intendo noi cristiani. La Chiesa è sacra, e noi siamo peccatori!”, ha aggiunto.

È la prima volta in assoluto che un Pontefice chiede il perdono della comunità Lgbt. La dichiarazione è arrivata in seguito alla domanda di un giornalista sulla strage di Orlando, quando il 12 giugno 49 persone sono rimaste uccise in una sparatoria in un club frequentato dalla comunità Lgbt locale.

La Chiesa cattolica ha storicamente condannato l’omosessualità che, per la sua dottrina, continua a essere un peccato. Tuttavia, Papa Francesco sta cercando di cambiare approccio e di rompere un tabù.

Il portavoce del Vaticano Federico Lombardi ha precisato che, con le sue parole, il Papa intendeva che “noi cristiani non dobbiamo limitarci a scusarci, ma dobbiamo chiedere perdono agli omosessuali. Una parola di cui ci dimentichiamo troppo spesso”.

Per Francis DeBernardo, direttore esecutivo di New Ways Ministry, un gruppo a difesa dei diritti dei gay cattolici, ha affermato che “nessun Papa prima d’ora aveva rilasciato dichiarazioni così tanto accoglienti e aperte nei confronti della comunità Lgbt. Le parole del papa sono state semplici, ma potenti”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi