Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Palestina vuole far sospendere Israele dalla Fifa

Immagine di copertina

La federcalcio palestinese ha accusato Israele di discriminare i propri calciatori: per questa ragione vorrebbe farlo sospendere dalla Fifa

L’associazione calcistica palestinese ha chiesto che Israele venga sospeso dalla Fifa, la federazione calcistica internazionale.

La richiesta è dovuta all’accusa rivolta alla federcalcio israeliana di discriminare i calciatori palestinesi nei territori occupati e di usare le proprie forze di sicurezza per interferire e compiere atti di violenza durante le partite del campionato di calcio palestinese.

La questione sarà portata il 29 maggio al congresso della Fifa a Zurigo, in Svizzera, e secondo il presidente dell’associazione calcistica palestinese, Jibril Rajoub, si potrebbe procedere in quell’occasione con un voto per la sospensione di Israele dalla federazione internazionale.

Il presidente della Fifa, lo svizzero Sepp Blatter, secondo quanto riportato dal quotidiano britannico The Guardian vorrebbe trovare un compromesso che porti a evitare il voto. Lo stesso Blatter si è recato martedì scorso a Gerusalemme per alcuni colloqui con il premier israeliano Benyamin Netanyahu.

La sospensione è una delle sanzioni più gravi che la Fifa possa imporre nei confronti di una federazione nazionale, e comporterebbe la squalifica di tutti i club e le rappresentative di Israele dalle competizioni internazionali.

Fino a oggi, gli unici due Paesi a essere stati sospesi dalla Fifa per ragioni simili sono stati il Sudafrica – durante l’apartheid – e la Iugoslavia.

Ofer Eini, presidente della federazione calcistica israeliana, ha difeso le relazioni con il mondo del calcio palestinese e ha insistito sul fatto che Israele non ha violato alcuna legge o regola e che sostiene e continuerà a sostenere il calcio palestinese.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Elon Musk: “Entro sei mesi il chip di Neuralink nel cervello di un essere umano”
Esteri / Minacce di morte a Megan Markle: cosa è successo alla moglie di Harry
Esteri / Genitori No vax bloccano l’operazione che può salvare la vita del figlio: “Non vogliamo sangue di vaccinati”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Elon Musk: “Entro sei mesi il chip di Neuralink nel cervello di un essere umano”
Esteri / Minacce di morte a Megan Markle: cosa è successo alla moglie di Harry
Esteri / Genitori No vax bloccano l’operazione che può salvare la vita del figlio: “Non vogliamo sangue di vaccinati”
Esteri / Il leader ceceno Kadyrov risponde al Papa: “Vergognoso, è rimasto vittima della propaganda”
Esteri / Monaci positivi al test antidroga: chiuso un tempio buddhista
Esteri / Chi era la 16enne iraniana uccisa perché indossava un cappello da baseball al posto del velo
Esteri / Singapore, abrogata la legge che puniva sesso gay: risaliva all’epoca coloniale
Esteri / Per 11 giorni aggrappati al timone di una petroliera: tre migranti sopravvivono alla traversata dalla Nigeria alle Canarie
Esteri / L’allarme di Kiev: “Navi russe con 84 missili nel Mar Nero e nel Mediterraneo”
Esteri / Qatar, un alto dirigente ammette che i lavoratori morti per preparare i Mondiali sono stati “tra i 400 e i 500”