Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Palestina vuole far sospendere Israele dalla Fifa

Immagine di copertina

La federcalcio palestinese ha accusato Israele di discriminare i propri calciatori: per questa ragione vorrebbe farlo sospendere dalla Fifa

L’associazione calcistica palestinese ha chiesto che Israele venga sospeso dalla Fifa, la federazione calcistica internazionale.

La richiesta è dovuta all’accusa rivolta alla federcalcio israeliana di discriminare i calciatori palestinesi nei territori occupati e di usare le proprie forze di sicurezza per interferire e compiere atti di violenza durante le partite del campionato di calcio palestinese.

La questione sarà portata il 29 maggio al congresso della Fifa a Zurigo, in Svizzera, e secondo il presidente dell’associazione calcistica palestinese, Jibril Rajoub, si potrebbe procedere in quell’occasione con un voto per la sospensione di Israele dalla federazione internazionale.

Il presidente della Fifa, lo svizzero Sepp Blatter, secondo quanto riportato dal quotidiano britannico The Guardian vorrebbe trovare un compromesso che porti a evitare il voto. Lo stesso Blatter si è recato martedì scorso a Gerusalemme per alcuni colloqui con il premier israeliano Benyamin Netanyahu.

La sospensione è una delle sanzioni più gravi che la Fifa possa imporre nei confronti di una federazione nazionale, e comporterebbe la squalifica di tutti i club e le rappresentative di Israele dalle competizioni internazionali.

Fino a oggi, gli unici due Paesi a essere stati sospesi dalla Fifa per ragioni simili sono stati il Sudafrica – durante l’apartheid – e la Iugoslavia.

Ofer Eini, presidente della federazione calcistica israeliana, ha difeso le relazioni con il mondo del calcio palestinese e ha insistito sul fatto che Israele non ha violato alcuna legge o regola e che sostiene e continuerà a sostenere il calcio palestinese.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”
Esteri / Iran, uccise la fidanzata a 17 anni: impiccato 25enne. Amnesty: “Ha confessato sotto tortura”