Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Pakistan, bomba esplode in un mercato: 25 morti, 35 feriti

Immagine di copertina
Immagine di repertorio

Poche ore prima, un gruppo separatista armato ha attaccato il consolato cinese a Karachi

Almeno 25 persone sono morte a seguito di un’esplosione in un mercato della città di Kalaya, nel nord-ovest del Pakistan, mentre altre 35 sono rimaste ferite.

La notizia è stata confermata da fonti mediche e di polizia, secondo cui il numero dei morti è destinato ad aumentare. L’attacco non è stato ancora rivendicato.

La città in cui è avvenuta l’esplosione si trova nella parte più remota del distretto di Orakzai, che di recente è diventato parte della provincia di Khyber Pakhtunkhwa.

Violenza a Karachi – Poche ore prima, quattro agenti sono morti nell’attacco al consolato cinese a Karachi, nel sud del paese.

Nello scontro a fuoco hanno perso la vita anche tre degli uomini che hanno condotto l’assalto alla sede consolare.

L’area è stata completamente circondata dalle forze dell’ordine e sono state intensificate le misure di sicurezza.

Lo staff del consolato è stato tratto in salvo dalle forze di sicurezza pakistane.

In questo caso, attacco è stato rivendicato dall’Esercito di Liberazione del Beluchistan, un gruppo separatista che combatte per l’indipendenza della regione sud-orientale del Pakistan, tramite Twitter.

Il Beluchistan – Da più di 10 anni i gruppi separatisti armati del Beluchistan combattono per ottenere l’indipendenza della regione sud-orientale, scontrandosi con le forze di sicurezza pakistane.

L’Esercito di Liberazione ha fatto ricorso anche in passato alla violenza per raggiungere i suoi obiettivi e da mesi boicotta i lavori per la realizzazione del Corridoio economico Cina-Pakistan, un progetto da 65 miliardi di dollari che collega Pechino con il mare Arabico attraverso il Pakistan.

Notizia in aggiornamento

Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto, maxi incendio in stazione della polizia a Ismalia: 100 feriti. Si temono vittime
Esteri / Israele, scarcerato l’italo-palestinese Khaled El Qaisi: era in prigione dal 31 agosto
Esteri / Spagna: incendio in discoteca, almeno 13 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto, maxi incendio in stazione della polizia a Ismalia: 100 feriti. Si temono vittime
Esteri / Israele, scarcerato l’italo-palestinese Khaled El Qaisi: era in prigione dal 31 agosto
Esteri / Spagna: incendio in discoteca, almeno 13 morti
Esteri / Ankara, attentato vicino all’edificio del Parlamento: ci sono almeno 2 feriti
Esteri / Musk lancia la crociata contro le Ong e attacca la Germania: “Con i migranti viola la sovranità dell’Italia, è un’invasione”
Esteri / Fronte Nagorno Karabakh: l’altra guerra (dimenticata) d’Europa
Esteri / Saluto nazista all’Oktoberfest: due 24enni italiani fermati a Monaco di Baviera
Esteri / Destinazione Europa: il cimitero dei migranti sulle rotte degli orrori in Africa
Esteri / Caos Africa: il continente è in subbuglio ma l’Europa pensa solo ai migranti
Esteri / Françafrique, David Martin (Survie) a TPI: “L’impero coloniale francese non è mai morto”