Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:06
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I paesi dell’Opec si sono accordati per tagliare la produzione di petrolio

Immagine di copertina

Il prezzo del greggio tornerà a salire, dopo due anni in cui si era quasi dimezzato

I paesi dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (Opec), riuniti a Vienna mercoledì 30 novembre, si sono accordati per diminuire la produzione di petrolio, per farne salire il prezzo. 

Mohammed Saleh Al Sada, presidente dell’Opec, ha annunciato un taglio di 1,2 milioni di barili di greggio al giorno, a partire dall’1 gennaio 2017.

In seguito all’annuncio, il prezzo del petrolio è aumentato del 10 per cento, con il Brent che ha superato la quota di 50 dollari a barile. I ministri delle varie nazioni avevano già trovato un accordo di principio a settembre, che aveva tagliato la produzione di 700mila barili.

Negli ultimi due anni i prezzi si erano quasi dimezzati a causa della decisione dell’Arabia Saudita di incrementare la produzione. L’obiettivo era far scendere la quotazione del greggio e rendere improduttivi i costosi investimenti nello shale oil statunitense.

Anche i paesi che non fanno parte dell’Opec adotteranno la nuova strategia. La Russia – il maggior produttore di petrolio al mondo insieme all’Arabia Saudita – ridurrà la produzione di circa 300mila barili al giorno e altri 300mila saranno tagliati da altre nazioni.

“Questa decisione è venuta dal senso di responsabilità delle nazioni produttrici di petrolio, nell’interesse generale di un’economia mondiale più sana”, spiega Mohammed Saleh Al Sada.

L’unica eccezione riguarda l’Iran, che ha un rapporto di tensione con i sauditi. Teheran può tornare a esportare greggio dopo la rimozione delle sanzioni in seguito all’accordo sul nucleare con gli Stati Uniti. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, le foto-scandalo del ministro della Salute immortalato con l’amante in pieno lockdown
Esteri / Biden sussurra di continuo ai giornalisti durante la conferenza stampa | VIDEO
Esteri / Etiopia: continua la guerra nel Tigray, dove gli aerei del premio Nobel per la pace massacrano i civili
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, le foto-scandalo del ministro della Salute immortalato con l’amante in pieno lockdown
Esteri / Biden sussurra di continuo ai giornalisti durante la conferenza stampa | VIDEO
Esteri / Etiopia: continua la guerra nel Tigray, dove gli aerei del premio Nobel per la pace massacrano i civili
Esteri / Canada, scoperta una nuova fossa comune di bambini indigeni: resti di 761 persone
Costume / Lettonia, sosia dei Maneskin nella pubblicità della mozzarella e della pizza
Esteri / Scienziato Usa trova prime sequenze del virus: "Cancellate su richiesta dei cinesi"
Esteri / Orban: "La nostra legge non è contro i gay ma sulle famiglie, non la ritiriamo"
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML