Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La legge di Israele sugli insediamenti è un pericoloso precedente, l’allarme Onu

Immagine di copertina

Dopo il provvedimento in favore degli insediamenti in Cisgiordania, l'inviato Onu per la pace in Medio Oriente ha dichiarato che Israele ha oltrepassato una "linea rossa"

L’inviato delle Nazioni Unite per il processo di pace in Medio Oriente, Nicolay Mladenov, ha detto che la legge approvata il 6 febbraio 2017 dal parlamento israeliano per la regolarizzazione degli insediamenti in Cisgiordania oltrepassa “una grossa linea rossa” verso “l’annessione dei Territori Occupati”.

È la prima volta che la Knesset, il parlamento israeliano, approva una legge sulle terre palestinesi occupate e in particolare sulla proprietà. Per Mladenov il provvedimento costituisce un “precedente molto pericoloso”.

La misura, approvata con 60 voti a favore e 52 contrari, riguarda circa 4mila coloni ebrei e di fatto marca l’annessione di territori palestinesi in Cisgiordania appartenenti alla cosiddetta “Area C” e sottoposti al controllo civile e in materia di sicurezza di Israele, anche se formalmente estranei all’ambito di intervento della Knesset.

La legge, che agisce in forma retroattiva, stabilisce un meccanismo di compensazione per i proprietari palestinesi dei terreni su cui sono stati costruiti insediamenti o case: questi potranno ricevere un pagamento annuale pari al 125 per cento del valore dei terreni per un periodo di 20 anni o, in alternativa, altri terreni a loro scelta dove è possibile. 

I palestinesi ritengono che il provvedimento rappresenti un vero e proprio furto della terra palestinese e distrugga ogni chance di una soluzione politica per la pace e la possibilità della soluzione dei due stati, definita dagli accordi di Oslo del 1993.

Dall’insediamento di Trump alla Casa Bianca il 20 gennaio 2017, il governo israeliano ha autorizzato la costruzione di oltre 6mila abitazioni per i coloni ebrei negli insediamenti nei territori palestinesi occupati in Cisgiordania e Gerusalemme est, forte delle manifestazioni di amicizia arrivate dalla nuova amministrazione americana.

— LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere sugli insediamenti israeliani in Palestina

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Anche l’Economist volta le spalle a Draghi: “La sua candidatura al Quirinale un male per l’Italia e l’Europa”
Esteri / Un uomo è sopravvissuto dopo aver viaggiato per 10 ore nel carrello di un aereo partito dal Sudafrica
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Anche l’Economist volta le spalle a Draghi: “La sua candidatura al Quirinale un male per l’Italia e l’Europa”
Esteri / Un uomo è sopravvissuto dopo aver viaggiato per 10 ore nel carrello di un aereo partito dal Sudafrica
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf