Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La ginnasta uzbeka che gareggia per la settima volta alle Olimpiadi

Immagine di copertina

Oksana Chusovitina, a 41 anni si appresta a raggiungere un record di partecipazioni olimpiche

Oksana Chusovitina ha 41 anni e fa la ginnasta. La prima volta che ha partecipato a un mondiale della sua disciplina sportiva gareggiava per l’Unione Sovietica, ma dopo il suo scioglimento è passata al suo nuovo paese, quello in cui era nata, l’Uzbekistan. Divenuta cittadina tedesca Oksana ha continuato a gareggiare con la Germania, finché nel 2013 non è tornata con l’Uzbekistan.

Oggi, a 25 anni da quando partecipò nel 1991 ai mondiali di Indianapolis, Oksana Chutsovitina si appresta a gareggiare, all’età di 41 anni, alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, alla settima Olimpiade della sua carriera.

Nessun atleta prima della Chusovitina aveva mai gareggiato in sette diverse Olimpiadi. A Londra, nel 2012, parteciparono sia lei sia il ginnasta bulgaro Yordan Yovchev, entrambi per la sesta volta. Ma questa volta Yovchev non ci sarà, e sarà solo lei a godersi il record.

La prima volta che Oksana Chusovitina partecipò alle Olimpiadi fu nel 1992, a Barcellona. L’Unione Sovietica si era appena sciolta e le nuove federazioni nazionali non si erano ancora costituite, perciò gli ex sovietici corsero insieme nella Squadra unificata. Proprio con questa squadra, arrivò la prima medaglia olimpica della Chusovitina, nella ginnastica femminile a squadre.

Nel 1996, ad Atlanta, corre per la prima volta sotto la bandiera uzbeka, ma non ottiene medaglie, così come nel 2000 e nel 2004. Nel 2008 gareggia per la prima volta nella squadra tedesca, e ottiene la sua seconda medaglia olimpica, un argento questa volta, nella specialità del volteggio. Nel 2012, invece, non ottenne medaglie.

Adesso si appresta a gareggiare per Rio de Janeiro 2016, nonostante la sua età sia nettamente superiore a quella delle proprie sfidanti, in una disciplina in cui l’età media è generalmente molto bassa.

Per intenderci, la più “anziana” delle ginnaste statunitensi a queste Olimpiadi sarà Aly Raisman, nata nel 1994, quando la Chusovitina aveva già gareggiato per il suo primo torneo olimpico.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"