Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Obiettivo: distruggere l’Europa

Immagine di copertina

Alle elezioni per il parlamento europeo buoni risultati per molti partiti di estrema destra, nazionalisti e xenofobi

FRANCIA, Front National di Marine Le Pen. Il Fronte Nazionale è un partito politico di estrema destra, nato nel 1972 per volontà di Jean-Marie Le Pen, padre di Marine, che ha trionfato alle elezioni europee. “Per migliorare l’Unione Europea bisognerebbe distruggerla”, questa la recente dichiarazione di Marine Le Pen, che chiarisce l’indirizzo antieuropeista del FN, il quale si propone di entrare nel Parlamento Europeo per bloccare ogni ulteriore passo verso l’integrazione. Prima delle elezioni, contava tre europarlamentari nel gruppo dei Non Iscritti. 

OLANDA, Partito per la libertà olandese di Geert Wilders. Il PVV è un partito di destra nato nel 2004 per volontà del suo attuale leader, Geert Wilders, in prima linea per il NO al referendum confermativo per la Costituzione Europea. È un partito xenofobo, anti-islamista e anti-europeista, che progetta una “fuga” dall’Ue, definita da Wilders come “Stato nazista”. Prima delle elezioni, contava quattro europarlamentari nel gruppo dei Non Iscritti.

REGNO UNITO, UK Independence Party di Nigel Farage. L’UKIP è stato fondato nel 1993 da Alan Sked e dal 2010 Nigel Farage ne è il leader. È un partito euroscettico della destra populista, con politiche sull’immigrazione molto rigide, favorevole all’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. Tuttavia, Nigel Farage, ha dichiarato che l’UKIP non vuole allearsi con il Front National di Marine Le Pen, che invece lo accoglieva a “braccia aperte”. Prima delle elezioni, contava 9 europarlamentari nel gruppo del Movimento per un’Europa della Libertà e della Democrazia.

GRECIA, Alba Dorata, di Nikólaos Michaloliákos. Alba Dorata, o Lega Popolare Aurora Dorata nasce nel 1985 e diventa partito politico dal 1993. Rimane ai margini della vita politica per diventare poi popolare dopo la crisi economica che ha colpito il paese. È un partito di estrema destra, ultranazionalista e autonomista rispetto all’Europa. È stato definito come neofascista, etichetta in cui, però, i membri del partito non si riconoscono. Con altri partiti di estrema destra europei, è parte dell’Alleanza Europea dei movimenti nazionali, ma non ha deputati al parlamento (prima delle elezioni).

ITALIA, Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo. Fondato dall’ex comico Beppe Grillo nel 2009, il M5S è tra le principali forze politiche italiane. I 5 stelle non si definiscono un partito ma una “libera associazione di cittadini”, che contesta l’attuale andamento politico italiano e promuove forme di democrazia partecipata tramite il digitale. Il M5S è di orientamento euroscettico e spinge per l’uscita dell’Italia dall’euro. Prima delle elezioni, non aveva deputati al Parlamento Europeo.

BELGIO, Vlaams Belang (Interesse fiammingo) di Bruno Valkeniers. Venne fondato nel 2004 per farsi promotore dell’indipendenza delle Fiandre dal Belgio e dall’Unione Europea. È un partito di estrema destra, conservatore, contro i matrimoni omosessuali e l’ingresso della Turchia nell’Unione Europea, per paura dell’islamizzazione del continente. È di stampo etnonazionalista e indipendentista. Prima delle elezioni, contava 2 europarlamentari nel gruppo dei Non Iscritti.

FINLANDIA, Perussuomalaiset (Veri Finlandesi) di Timo Soini. Fondato nel 1995, è un partito di destra nazionalista dalle posizioni fortemente antieuropeiste. È favorevole all’energia nucleare e contrario alle unioni omosessuali, all’immigrazione, allo studio della lingua svedese, alla NATO e all’Unione Europea, di cui contesta le politiche e la burocrazia. Ha un discreto consenso nel paese e fa parte gruppo europeo “Movimento per un’Europa della Libertà e della Democrazia”. Prima delle elezioni, contava un europarlamentare.

UNGHERIA, Jobbik di Gàbor Vona. Nato nel 2003, è il partito politico ungherese di estrema destra. È di orientamento nazionalista e conservatore, accusato anche di essere fascista e antisemita. Marcatamente antieuropeista, nel gennaio 2012 ha organizzato un referendum per l’uscita dall’Unione Europea. Prima delle elezioni, contava 3 europarlamentari nel gruppo Alleanza Europea dei movimenti nazionali.

Clicca qui per vedere tutti i risultati di questi partiti alle elezioni europee 2014
Ti potrebbe interessare
Esteri / Spagna, la destra di Vox in piazza contro Sánchez: “Governa contro il popolo, dimissioni subito”
Esteri / Riportato in vita un virus intrappolato nel permafrost siberiano per 48.500 anni
Esteri / Guerra in Ucraina, la rivelazione del New York Times: “La Nato sta finendo armi e munizioni”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Spagna, la destra di Vox in piazza contro Sánchez: “Governa contro il popolo, dimissioni subito”
Esteri / Riportato in vita un virus intrappolato nel permafrost siberiano per 48.500 anni
Esteri / Guerra in Ucraina, la rivelazione del New York Times: “La Nato sta finendo armi e munizioni”
Esteri / Proteste in Cina, la Bbc denuncia l’arresto di un suo inviato: il giornalista Ed Lawrence
Esteri / La “famiglia Rapunzel”: quattro metri di chioma tra madre e figlie | VIDEO
Esteri / Corea del Nord, Kim torna a mostrare la figlia in pubblico: “Avremo la forza nucleare più potente al mondo”
Esteri / Taiwan, eletto sindaco il nipote di Chiang Kai-shek. La presidente Tsai Ing-Wen si è dimessa da leader del suo partito
Esteri / Morto il ministro degli Esteri bielorusso. Kiev: “Forse avvelenato”. Mosca: “Scioccati”
Esteri / “Italiana arrestata in Turchia alla manifestazione contro la violenza sulle donne”: le attiviste di Mor Dayanisma
Esteri / “Putin vuole far uccidere Lukashenko”: l’ipotesi del complotto per trascinare la Bielorussia in guerra