Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Obama dalla Grecia rassicura gli alleati sul futuro della Nato

Immagine di copertina

"Il presidente eletto Donald Trump manterrà l'impegno degli Stati Uniti con la Nato", ha detto Obama, rassicurando i leader dei paesi membri dell'Alleanza atlantica

Barack Obama è arrivato poche ore fa ad Atene, in Grecia, la prima tappa del suo ultimo viaggio all’estero da presidente, dove ha già incontrato il premier Alexis Tsipras. Successivamente si recherà in Germania e poi in Perù. “Il presidente eletto Donald Trump manterrà l’impegno degli Stati Uniti con la Nato”, ha detto Obama, cercando di rassicurare i leader dei paesi membri, preoccupati dalle dichiarazioni di Donald Trump, che considera l’Alleanza atlantica ormai obsoleta. 

“Nel nostro dialogo, il presidente eletto ha espresso un grande interesse a mantenere le nostre relazioni strategiche fondamentali. Uno dei messaggi che saremo in grado di offrire è il suo impegno per la Nato e l’alleanza transatlantica”, ha detto Obama aggiungendo di voler far sapere ai leader dei paesi alleati “che non vi è alcun indebolimento quando si tratta di impegno dell’America per il mantenimento di un forte e robusto rapporto con la Nato e un il riconoscimento che queste alleanze non sono solo buone per l’Europa, ma sono un bene per gli Stati Uniti, e sono di vitale importanza per il mondo intero”.

Nel suo ultimo viaggio iniziato oggi da Atene, Barack Obama incontrerà una decina di leader stranieri che chiedono di essere rassicurati su quello che significherà una presidenza Trump per la sicurezza globale.

Molti considerano Trump come l’opposto di tutto ciò che Obama rappresenta, ma il presidente ha cercato di trovare elementi di incontro e di continuità con il suo successore.

Obama ha anche ammesso che i democratici avranno ora bisogno di impegnarsi in “una riflessione” sul modo in cui vogliono andare avanti dopo la sconfitta quasi inaspettata della scorsa settimana. “Credo che abbiamo le idee migliori, ma credo anche che le buone idee non contano se la gente non le ascolta”, ha detto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi