Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Obama disoccupato in cerca di lavoro in uno sketch televisivo

Immagine di copertina

Il presidente degli Stati Uniti ha scherzato sul suo futuro partecipando a un talk show in cui ha finto di proporre il suo curriculum per un nuovo lavoro

Lunedì 17 ottobre il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha partecipato, durante una delle ultime apparizioni televisive
dei suoi due mandati, al talk show notturno The Late Show, condotto dal presentatore e comico americano Stephen Colbert.

In quest’occasione, il conduttore ha approfittato per mettere su una gag con Obama giocando sul fatto che, sebbene la sua “disoccupazione” sia piuttosto anomala, anche lui a partire dal 20 gennaio, con l’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca, si ritroverà di fatto senza lavoro.

Ecco che quindi Obama è apparso seduto a una scrivania di fronte a Colbert, che con un gilet e un paio di baffi finti ha recitato il
ruolo di un impiegato dell’ufficio di collocamento intento a valutare il curriculum del suo interlocutore e a suggerirgli eventuali modifiche e ruoli lavorativi.

Il colloquio è iniziato con Colbert che ha commentato con tono preoccupato “55 anni… dura come età per ricominciare da capo”, e ha poi proseguito chiedendo a Obama come mai non avesse avuto nemmeno una promozione nel corso degli ultimi otto anni, al che il presidente degli Stati Uniti ha risposto “Onestamente, non c’era molto spazio per avanzamenti di carriera nel mio ultimo lavoro. L’unica persona con una posizione più forte era mia moglie”.

Obama ha anche enumerato i vari risultati raggiunti durante la sua recente “carriera”, come la riforma sanitaria, l’accordo sul nucleare con l’Iran e la ripresa delle relazioni con Cuba, mentre Colbert ha suggerito di aggiungere qualifiche come “esperto di Microsoft Office” per rendere il candidato più appetibile per i potenziali datori di lavoro.

C’è stato spazio anche per una stoccata a Donald Trump, nonostante per questioni di par condicio Obama non potesse appoggiare apertamente un candidato. Per ovviare al problema, Colbert ha chiesto al presidente quali fossero i suoi gusti gastronomici in fatto di snack: “Preferisce una barretta di fibre extra nutrienti, che ha viaggiato in più di cento paesi, o
questo mandarino raggrinzito coperto di peli di Golden Retriever e pieno di bile che non lascerei solo con la donna che amo?”.

“Beh, penso che sceglierò la barretta”, ha risposto Obama, con un chiaro riferimento alla sua preferenza per Hillary Clinton.

Questo il video dello sketch:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ungheria: “Sorprendono le interferenze italiane sul caso Salis”
Cronaca / Allarme degli 007: “Campagna ibrida russa contro l’Italia, attenzione alle elezioni”
Esteri / La moglie di Alexei Navalny: “Putin è un mafioso sanguinario, non un politico”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ungheria: “Sorprendono le interferenze italiane sul caso Salis”
Cronaca / Allarme degli 007: “Campagna ibrida russa contro l’Italia, attenzione alle elezioni”
Esteri / La moglie di Alexei Navalny: “Putin è un mafioso sanguinario, non un politico”
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie. Bozza di tregua ad Hamas: 40 ostaggi per 400 palestinesi. | DIRETTA
Esteri / Arabia Saudita, giustiziate 7 persone per “terrorismo”
Esteri / Alain Delon, sequestrate 72 armi nella sua casa di campagna
Esteri / Arrestato a Mosca l’avvocato che ha aiutato la madre di Alexei Navalny a riavere il corpo
Esteri / Trovati morti conduttore tv e il fidanzato steward: arrestato agente di polizia
Esteri / Biennale di Venezia: migliaia di artisti, curatori e direttori di musei chiedono di escludere Israele. Il ministro Sangiuliano: “No agli intolleranti”
Esteri / Francia: sequestrate 72 armi da fuoco ad Alain Delon