Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’Isis ha pubblicato una nuova registrazione audio di al-Baghdadi

Immagine di copertina

Non è ancora chiaro quando sia stato registrato il messaggio. La notizia mette in dubbio la presunta morte del leader del sedicente Stato islamico:

L’Isis ha pubblicato una registrazione audio del proprio leader Abu Bakr Al-Baghdadi. A riportarlo è stata l’agenzia di stampa Reuters, che cita il network al-Furqan, un’organizzazione legata al gruppo jihadista.

L’al-Furqan Media Foundation è l’organizzazione che controlla l’intera produzione editoriale dell’Isis, come la rivista Dabiq.

L’audio dura almeno 46 minuti, ma non è chiaro quando sia stato registrato. Nell’audio pubblicato da al-Furqan, al-Baghdadi fa riferimento alle minacce della Corea del Nord nei confronti di Giappone e Stati Uniti, potrebbe dunque risalire al 2017.

L’ultima registrazione audio del leader del sedicente Stato Islamico risale invece al novembre 2016, due settimane dopo l’inizio della battaglia di Mosul. In quell’occasione, al-Baghdadi aveva esortato i propri seguaci a combattere i “miscredenti” e a “far scorrere il loro sangue a fiumi”.

La pubblicazione di questa registrazione mette comunque in dubbio gli annunci riguardo la morte di al-Baghdadi.

Il 22 giugno 2017 il ministero della Difesa russo aveva dato quasi per certa la notizia, confermata in un secondo momento dall’Osservatorio siriano per i diritti umani. Fonti del Pentagono invece avevano messo in dubbio la morte del terrorista iracheno, sostenendo che non ci fosse abbastanza prove riguardo la sua scomparsa.

Fonti dell’antiterrorismo sotto il controllo del governo regionale del Kurdistan iracheno avevano invece smentito la morte di al-Baghdadi.

L’Isis ha perso molto del territorio che occupava in Siria e Iraq negli ultimi anni, riducendosi a una striscia di territorio lungo il fiume Eufrate tra i due stati mediorientali e una sacca di resistenza tra le città irachene di Kirkuk e Tikrit.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere
Esteri / Papa Francesco a Lesbo tra i richiedenti asilo: “Fermiamo questo naufragio di civiltà”
Esteri / Orrore in Germania, cinque morti in una casa: tre sono bambini
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere
Esteri / Papa Francesco a Lesbo tra i richiedenti asilo: “Fermiamo questo naufragio di civiltà”
Esteri / Orrore in Germania, cinque morti in una casa: tre sono bambini
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Esteri / Copenaghen, 31 persone trascorrono la notte nel negozio Ikea isolato dalla neve
Esteri / Un quiz per scoprire quanto ne sai sull’Hiv (e smontare le false credenze)
Esteri / India, i bambini muoiono per lo smog. Un decesso su dieci sotto i cinque anni è per l’inquinamento