Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il leader dell’Isis al-Baghdadi è morto davvero?

Immagine di copertina
Credit: Reuters

Secondo l'agenzia di stampa russa RIA Novosti e l'Osservatorio siriano per i diritti umani, il sedicente califfo è stato ucciso. Ma il Pentagono non conferma

Aggiornamento: un funzionario dell’antiterrorismo curdo ha dichiarato lunedì 17 luglio 2017 di essere sicuro al 99 per cento che il leader dell’Isis Abu Bakr al-Baghdadi sia vivo e si trovi a sud della città siriana di Raqqa.

Martedì 11 luglio il canale televisivo iracheno Au Sumaria ha detto che i miliziani del sedicente Stato islamico hanno confermato la morte del califfo Abu Bakr al-Baghdadi, citando una fonte locale nella provincia irachena di Ninive. A riferirlo è stata l’agenzia di stampa russa RIA Novosti.

L’Osservatorio siriano per i diritti umani sostiene di aver ricevuto conferme della morte del sedicente califfo. “I comandanti di primo piano dell’ISIS presenti nella provincia di Deir Ezzor hanno confermato la morte di Abu Bakr al-Baghdadi”, ha dichiarato all’agenzia di stampa AFP Rami Abdel Rahman, direttore dell’Osservatorio.

Ma il Pentagono dice di non avere informazioni sufficienti per confermare la notizia. “Non possiamo confermare, ma spero che sia vero”, ha detto il portavoce della coalizione occidentale a guida statunitense, il colonnello Ryan Dillon.

Il 16 giugno, il ministro della Difesa russo aveva dichiarato che la guida dell’Isis era stata probabilmente eliminata a seguito di un bombardamento delle forze aeree del Cremlino sulla città di Raqqa avvenuto il 28 maggio 2017.

In realtà Abu Bakr al-Baghdadi è un nome da battaglia. Il vero nome del leader dell’Isis è Ibrahim Awed Ibrahim Ali al-Badri al-Samarrai o semplicemente Ibrahim al-Badri. Non è la prima volta che circolano voci sulla sua presunta morte, la cui ultima apparizione pubblica risale a un video del 2014. Il suo ultimo messaggio audio invece risale al 2 novembre 2016.

Nonostante il decesso del sedicente califfo non sia ancora confermato ufficialmente il presidente degli Stati Uniti Donald Trump canta vittoria per una grande vittoria contro i terroristi. Che sia una conferma?

LEGGI ANCHEChi è Abu Bakr Al-Baghdadi, leader dell’Isis

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Esteri / Francia, la destra moderata vince il primo turno delle regionali. Deludono Le Pen e Macron