Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Così la Nuova Zelanda vuole abolire (quasi) del tutto la vendita di sigarette

Immagine di copertina
Immagine di archivio. Credit: Ansa

La Nuova Zelanda vuole creare una generazione “smoke – free” vietando la vendita di sigarette ai nati dopo il 2008, per tutta la loro vita. Questo è l’obiettivo della proposta di legge annunciata dalla ministra associata della salute neozelandese, Ayesha Verrall.  “Vogliamo assicurarci che i giovani non inizino mai a fumare” ha detto. Il piano del governo prevede l’aumento dell’età in cui è possibile acquistare tabacco di anno in anno così da poter avere nel 2025 un tasso di fumatori nazionale pari al 5%. L’obiettivo è quello di azzerarlo. Al momento i fumatori sono il 13% dei neozelandesi con un tasso più alto tra la popolazione Maori dove è di quasi un terzo: il 29%, infatti, fuma. Il ministero della salute della Nuova Zelanda ha affermato anche che le sigarette provocano un decesso per cancro su quattro: è la principale causa di morte prevenibile nel Paese (che conta cinque milioni di abitanti). “Circa 4500 neozealandesi muoiono ogni anno a causa del tabacco e dobbiamo accelerare per essere in grado di raggiungere l’obiettivo SmokeFree2025”, ha detto Verrall.

La nuova legge mira anche a ridurre il numero di negozi autorizzati alla vendita di sigarette dal 2024: dagli 8.000 attuali a meno di 500. Il governo, però, ha anche riconosciuto il rischio di un aumento del mercato nero: “Le prove indicano che la quantità di prodotti del tabacco contrabbandati in Nuova Zelanda è aumentata notevolmente negli ultimi anni e che i gruppi criminali organizzati sono coinvolti nel contrabbando su larga scala”.

Negli ultimi anni, però, a essere molto più popolari tra le nuove generazioni sono le sigarette elettroniche e nel 2017 la Nuova Zelanda ha adottato lo svapo come metodo per aiutare i fumatori a smettere di fumare. Ma anche questo non è esente da rischi, hanno fatto sapere le autorità sanitarie del Paese. Nei liquidi, infatti, sarebbero presenti agenti pericolosi e cancerogeni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Francia, il Parlamento approva: “Vietate le ‘terapie di conversione’ usate per ‘guarire’ l’omosessualità”
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Francia, il Parlamento approva: “Vietate le ‘terapie di conversione’ usate per ‘guarire’ l’omosessualità”
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo
Esteri / Crisi Ucraina-Russia, l’Italia rischia di trovarsi in prima linea al costo di 78 milioni di euro
Esteri / “Il dilemma di Draghi”: la stampa internazionale si divide sull’ipotesi dell’ex banchiere al Quirinale
Esteri / Ucraina, la Nato annuncia l’invio di forze in Europa orientale. Il Cremlino: “L’Occidente aumenta le tensioni“
Esteri / Anche l’Economist volta le spalle a Draghi: “La sua candidatura al Quirinale un male per l’Italia e l’Europa”
Esteri / Un uomo è sopravvissuto dopo aver viaggiato per 10 ore nel carrello di un aereo partito dal Sudafrica
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni