Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Gli Stati Uniti temono una nuova fuga di informazioni riservate

Immagine di copertina

Un contractor che lavorava per la stessa società con cui collaborava Snowden avrebbe sottratto documenti top secret e rischia ora 10 anni di carcere

Un contractor dell’Agenzia nazionale per la sicurezza (Nsa) americana è stato arrestato dall’Fbi ad agosto 2016 con l’accusa di aver sottratto file secretati.

La notizia è stata diffusa dal New York Times e confermata da un comunicato stampa del dipartimento della giustizia statunitense diffuso mercoledì 5 ottobre 2016.

Harold Thomas Martin III, 51 anni, lavorava per conto di Booz Allen Hamilton, la stessa società di consulenza con cui collaborava Edward Snowden, il tecnico informatico che nel 2013 ha reso noti i dettagli di diversi programmi di sorveglianza di massa di Washington.

Martin è stato accusato di furto di proprietà del governo, rimozione non autorizzata e conservazione di informazioni altamente riservate. Sei documenti trovati in suo possesso sarebbero infatti classificati come “top secret”.

Secondo quanto riportato dal New York Times, il contractor avrebbe rubato i codici informatici utilizzati dall’Nsa per violare i sistemi informatici di altri paesi, tra cui Cina, Russia, Corea del Nord e l’Iran.

L’Fbi ha fatto sapere che in un primo momento Martin ha negato le accuse, ma in seguito ha ammesso la sottrazione di documenti e file digitali. Non sono ancora chiare le motivazioni che lo hanno spinto.

“Non c’è alcuna prova che Martin abbia tradito il suo paese”, ha dichiarato l’avvocato James Wyda. “Quello che sappiamo è che Martin ama la sua famiglia e il suo paese. Ha servito con onore questa nazione nella marina degli Stati Uniti e ha dedicato tutta la sua vita a proteggere il suo paese”.

Martin rischia fino a 10 anni di carcere per il furto di proprietà del governo, e fino a un anno per la rimozione di materiali classificati.

John Carlin, capo della divisione “sicurezza nazionale” del dipartimento di Giustizia, ha detto che l’arresto evidenzia la minaccia potenzialmente rappresentata dagli addetti ai lavori.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Esteri / Nonna si tatua tutto il corpo (tranne il viso): “Orgogliosa di essere una tela vivente”
Esteri / Stati Uniti, abbattuto il pallone-spia cinese. La Difesa: “Sorvegliava siti strategici”
Esteri / La svolta autoritaria di Netanyahu rischia di trasformare Israele in una democratura
Esteri / Dal gas ai fertilizzanti: così la guerra di Putin sconfina nel Sahara
Esteri / Ucraina, Corea, Taiwan, Africa, Medio Oriente: ecco tutte le guerre di cui dovremo preoccuparci nel 2023
Esteri / In Ucraina la strada verso l’escalation è lastricata di armi (di S. Mentana)
Esteri / Furto a luci rosse in Spagna: rubati sex toys placcati in oro 24 carati