Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La newyorkese che ha comprato un intero negozio di giochi per i più poveri

Immagine di copertina

Carol Suchman vuole destinare tutti i giocattoli acquistati ai bambini dei rifugi per senzatetto di New York

Carol Suchman, una comune cittadina americana, è diventata il Babbo Natale di New York da quando ha comprato un intero negozio di giocattoli per distribuire doni natalizi a tutti i bambini che vivono nelle case di accoglienza della metropoli statunitense.  

“È la prima volta che qualcuno acquista un intero negozio per aiutare i senzatetto” ha commentato Antonio Rodriguez, il direttore di un centro di accoglienza contattato dalla Suchman per la distribuzione dei giochi.

La filantropa racconta di non aver programmato l’acquisto e di essersi resa conto di quello che aveva fatto solo un momento dopo aver terminato la chiamata al proprietario del negozio, per stabilire il prezzo di tutta la mercanzia esposta.

La Suchman stava passeggiando a Manhattan quando è capitata di fronte alla vetrina di un esercizio commerciale chiuso e con il cartello “affittasi” esposto alla porta: “I giocattoli sembravano così tristi e stavano raccogliendo polvere. Ho pensato che li avrei dovuti portare dove era meglio che stessero: tra le braccia dei bambini di New York che non hanno una casa”.

Non è la prima volta che la donna fa donazioni per i più bisognosi, ma in passato aveva sempre mantenuto l’anonimato, non considerando importante che gli altri sapessero cos’aveva fatto.

Questa volta si è trovata d’accordo coi media locali nel diffondere la notizia perché spera di essere d’esempio per coloro che potrebbero aiutare, anche con un piccolo gesto, chi si trova in difficoltà. Ha comunque preferito non dichiarare la cifra spesa per l’acquisto di tutti i giocattoli del negozio.

I regali sono già stati impacchettati e sono pronti per essere distribuiti in tutti i centri d’accoglienza di New York, dove a settembre, si è registrata la presenza di 24mila minorenni senzatetto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli