La newyorkese che ha comprato un intero negozio di giochi per i più poveri

Carol Suchman vuole destinare tutti i giocattoli acquistati ai bambini dei rifugi per senzatetto di New York

Di TPI
Pubblicato il 23 Nov. 2015 alle 18:02 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 03:49
0
Immagine di copertina

Carol Suchman, una comune cittadina americana, è diventata il Babbo Natale di New York da quando ha comprato un intero negozio di giocattoli per distribuire doni natalizi a tutti i bambini che vivono nelle case di accoglienza della metropoli statunitense.  

“È la prima volta che qualcuno acquista un intero negozio per aiutare i senzatetto” ha commentato Antonio Rodriguez, il direttore di un centro di accoglienza contattato dalla Suchman per la distribuzione dei giochi.

La filantropa racconta di non aver programmato l’acquisto e di essersi resa conto di quello che aveva fatto solo un momento dopo aver terminato la chiamata al proprietario del negozio, per stabilire il prezzo di tutta la mercanzia esposta.

La Suchman stava passeggiando a Manhattan quando è capitata di fronte alla vetrina di un esercizio commerciale chiuso e con il cartello “affittasi” esposto alla porta: “I giocattoli sembravano così tristi e stavano raccogliendo polvere. Ho pensato che li avrei dovuti portare dove era meglio che stessero: tra le braccia dei bambini di New York che non hanno una casa”.

Non è la prima volta che la donna fa donazioni per i più bisognosi, ma in passato aveva sempre mantenuto l’anonimato, non considerando importante che gli altri sapessero cos’aveva fatto.

Questa volta si è trovata d’accordo coi media locali nel diffondere la notizia perché spera di essere d’esempio per coloro che potrebbero aiutare, anche con un piccolo gesto, chi si trova in difficoltà. Ha comunque preferito non dichiarare la cifra spesa per l’acquisto di tutti i giocattoli del negozio.

I regali sono già stati impacchettati e sono pronti per essere distribuiti in tutti i centri d’accoglienza di New York, dove a settembre, si è registrata la presenza di 24mila minorenni senzatetto.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.