Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Netanyahu attacca l’amministrazione Obama per il voto Onu sugli insediamenti

Immagine di copertina

Il provvedimento è stato adottato il 23 dicembre con l'astensione degli Stati Uniti, che hanno deciso di non esercitare il potere di veto al Consiglio di sicurezza Onu

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha convocato l’ambasciatore statunitense e ha lanciato un duro attacco contro l’amministrazione Obama dopo il voto favorevole del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla risoluzione che dichiara l’illegittimità degli insediamenti di coloni israeliani in Cisgiordania e a Gerusalemme est.

Per Netanyahu gli Stati Uniti sono colpevoli di non aver posto il veto sul provvedimento, scegliendo piuttosto di astenersi e consentendo l’approvazione della risoluzione. La decisione è arrivata nonostante il presidente eletto Donald Trump avesse fatto pressione affinché gli Stati Uniti bloccassero il provvedimento.

Il dipartimento di Stato statunitense ha confermato al network Cnn che l’ambasciatore Daniel Shapiro incontrerà il primo ministro martedì 27 dicembre 2016.

“Israele non porgerà l’altra guancia”, ha detto il primo ministro israeliano. “Questa è una reazione naturale che chiarisce al mondo che quello che è accaduto alle Nazioni Unite per noi è inaccettabile”.

“Non abbiamo alcun dubbio che l’amministrazione Obama abbia avviato la risoluzione, che ci sia lei dietro di questa, che abbia coordinato il testo e abbia chiesto che venisse approvata”.

Nonostante il voto del Consiglio di sicurezza Onu, il comune di Gerusalemme dovrebbe dare il via mercoledì 28 dicembre a un piano per la costruzione di altre 618 case nella parte orientale della città, a prevalenza araba, la cui costruzione era stata decisa prima dell’approvazione della risoluzione.

— Leggi anche: COME HA REAGITO NETANYAHU ALLA RISOLUZIONE ONU CONTRO GLI INSEDIAMENTI

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, i russi intensificano gli attacchi su Severodonetsk. Zelensky: "Situazione critica nel Donbass"
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Ti potrebbe interessare
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, i russi intensificano gli attacchi su Severodonetsk. Zelensky: "Situazione critica nel Donbass"
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Esteri / Australia, i laburisti vincono le elezioni
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Esteri / Chi sono i tre italiani rapiti in Mali: Rocco Langone, Maria Caivano e il figlio Giovanni
Cultura / In Bielorussia il governo vieta il romanzo “1984” di George Orwell
Esteri / “Putin circondato dai medici, curato anche tra una riunione e l’altra”: le nuove voci sul suo stato di salute
Esteri / Sharm El Sheikh, bimba abruzzese di 13 mesi cade dal balcone e muore
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Nessun negoziato senza scambio di soldati dell'Azovstal". La Russia vieta l'ingresso a Biden