Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Netanyahu attacca l’amministrazione Obama per il voto Onu sugli insediamenti

Immagine di copertina

Il provvedimento è stato adottato il 23 dicembre con l'astensione degli Stati Uniti, che hanno deciso di non esercitare il potere di veto al Consiglio di sicurezza Onu

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha convocato l’ambasciatore statunitense e ha lanciato un duro attacco contro l’amministrazione Obama dopo il voto favorevole del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla risoluzione che dichiara l’illegittimità degli insediamenti di coloni israeliani in Cisgiordania e a Gerusalemme est.

Per Netanyahu gli Stati Uniti sono colpevoli di non aver posto il veto sul provvedimento, scegliendo piuttosto di astenersi e consentendo l’approvazione della risoluzione. La decisione è arrivata nonostante il presidente eletto Donald Trump avesse fatto pressione affinché gli Stati Uniti bloccassero il provvedimento.

Il dipartimento di Stato statunitense ha confermato al network Cnn che l’ambasciatore Daniel Shapiro incontrerà il primo ministro martedì 27 dicembre 2016.

“Israele non porgerà l’altra guancia”, ha detto il primo ministro israeliano. “Questa è una reazione naturale che chiarisce al mondo che quello che è accaduto alle Nazioni Unite per noi è inaccettabile”.

“Non abbiamo alcun dubbio che l’amministrazione Obama abbia avviato la risoluzione, che ci sia lei dietro di questa, che abbia coordinato il testo e abbia chiesto che venisse approvata”.

Nonostante il voto del Consiglio di sicurezza Onu, il comune di Gerusalemme dovrebbe dare il via mercoledì 28 dicembre a un piano per la costruzione di altre 618 case nella parte orientale della città, a prevalenza araba, la cui costruzione era stata decisa prima dell’approvazione della risoluzione.

— Leggi anche: COME HA REAGITO NETANYAHU ALLA RISOLUZIONE ONU CONTRO GLI INSEDIAMENTI

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”